Google+

Nigeria. Boko Haram ha ucciso 2500 cristiani: «Bambini dispersi nella fuga»

settembre 15, 2014 Redazione

nigeriaTratto da Radio Vaticana – Sono 2.500 i fedeli della diocesi nigeriana di Maiduguri uccisi dalle violenze di Boko Haram. Lo denuncia in un’intervista al quotidiano Thisday, il vescovo del luogo, mons. Oliver Dashe Doeme, che è rifugiato nella parrocchia Santa Teresa di Yola nello Stato di Adamawa, insieme a migliaia di fedeli.

La diocesi di Maiduguri (capitale dello Stato di Borno nel nord-est della Nigeria) comprende gli Stati di Borno, Yobe e alcune aree di quello di Adamawa. In questi tre Stati, dove si concentrano le azioni di Boko Haram, nel 2013 il Presidente Goodluck Jonathan ha decretato lo stato d’emergenza, che non ha impedito però alla guerriglia islamista di continuare le proprie azioni, passando di recente alla conquista di alcune località dove è stato proclamato il “califfato”.

Mons. Doeme afferma che la maggior parte degli sfollati accolti nella parrocchia di Yola sono scampati per poco dall’essere uccisi dai membri di Boko Haram. Nella fuga precipitosa molte famiglie sono rimaste divise e diversi genitori sono ancora alla ricerca dei figli dispersi. Il vescovo ha inoltre denunciato che in diverse occasioni i militari nigeriani fuggono senza combattere e questo, secondo mons. Doeme, è dovuto in primo luogo alla corruzione.

La drammatica situazione degli sfollati è al centro del documento di Caritas Nigeria e della Commissione episcopale “Giustizia e Pace” dal titolo “Adattare le nostre vita alla guerra in corso” nel quale si afferma testualmente: “la semplice verità è che la Nigeria è in guerra”. (R.P.)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. dodi scrive:

    ….perchè,anche se a rilento i governanti si stanno muovendo contro isis e questo boko aram continua imperterrito a seminare terrore?non sono esseri umani anche i nigeriani?mi sorge un dubbio..questo boko(volutamente scritto minuscolo)fa comodo a qualcuno?la Nigeria è ricchissima anche se solo x pochi investitori…cosa sta succedendo?

    • Menelik scrive:

      La Nigeria SAREBBE uno degli Stati più ricchi di tutto il continente africano, dispone di risorse molto vaste ed ha petrolio e gas.
      Non però nel nordest, credo.
      In altre regioni.

    • mike scrive:

      la parola più giusta che hai detto è “rilento”. più giuste ancora sarebbero “mai” o “tardi”. Obama si muoverà o mai o quando sarà tardi (cioè quando i cristiani in iraq non ci saranno più o giù di lì). l’economia nella questione del terrorismo non c’entra. ancora qualcuno si illude. ma che le cose non le vede? Ue ed USA se vogliono partono subito. tipo libia 2011. se non partono è perché gli sta bene quanto avviene. come minimo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

La coupé nipponica, attesa al debutto nel 2018, condividerà con la futura spider BMW Z5 pianale e materiali compositi. Potrebbe adottare un powertrain ibrido o, in alternativa, un V6 biturbo benzina da almeno 400 cv.

È la prima auto elettrica solare al mondo destinata alla produzione in serie. Debutterà nel 2018 con prezzi da 12.000 euro, un’autonomia massima di 250 km e un sistema di purificazione dell’aria mediante licheni.

Questa concept esposta a Parigi apre la via alle elettriche Mercedes di domani. Le parole d'ordine sono connettività, guida autonoma, condivisione ed elettricità

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana