Google+

Nel solco della pugliesità si magnifica la virtù del fagiolo

novembre 26, 2013 Tommaso Farina

Che bello andare (e tornare) in uno di quei posti simpaticamente fuori moda, ma dalla cucina semplice, diretta, ben delineata. Siamo a Milano, tra la Stazione Centrale e viale Monza: zona popolare, un po’ truce. Zona di parcheggio arduo, ma Gianni e Carla, dell’Osteria della Pasta e Fagioli, hanno la soluzione: la convenzione con un garage poco lontano, in via Ferrante Aporti. Del resto, questa coppia accontenta i clienti più golosi fin dal 1975: quasi quarant’anni d’esperienza senza cedimenti, nel solco della pugliesità.

L’Osteria della Pasta e Fagioli sembra uno di quei “covi” dove si recavano a mangiare i meridionali milanesi immortalati dal poliziottesco e dal noir anni Settanta, ad esempio Milano rovente di Umberto Lenzi. Solo che qui non ci sono brutti ceffi, ed è diecimila volte più pulito. Ambiente lindo, pittoresco ma spazioso, con tavoli distanziatissimi (e pure questo è smarcarsi dalle usanze). La carta del cibo, plastificata, comincia con una pagina che cita studi scientifici per magnificare le virtù del fagiolo.

Poi offre gli antipasti del buffet, piccolo tocco di “vecchio stile”, ma senza boiate da pizzeria: sul banco ci sono per esempio i lampascioni, ossia i cipollotti amari sott’olio, poi fagioli con le cipolle (rosse, ad anelli grossissimi) e verdura varia. Di primo, naturalmente pasta e fagioli. O pasta e ceci. Oppure, orecchiette con cime di rapa e acciughe. Avvincenti le medesime orecchiette condite con un corposo sugo di cavallo (con pezzi di carne) e cacioricotta, o col sugo degli involtini.

Gli stessi involtini (di cappello da prete di manzo) li potrete gustare di secondo, e saranno quelli della vostra nonnina del Sud, o di quella che avreste voluto avere. Se no, le polpette al sugo. O il settore griglia, autenticamente di legna: costata di cavallo o di manzo, salsiccia di castrato, filetto di cavallo. Per dessert, i dolcetti pugliesi o un tiramisù fatto fare da un pasticcere di fiducia. Mite il conto: circa 30 euro, ma con certe scelte anche meno. Vini pochi ma buoni.

Per informazioni
Osteria della Pasta e Fagioli
www.osteriadellapastaefagioli.net
Via Venini, 54 – Milano
Tel. 0226148014 – Chiuso il mercoledì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana