Google+

La Bossi-Fini e il “reato di soccorso ai clandestini in difficoltà”. Come nasce una bufala

ottobre 24, 2013 Redazione

Ieri a Strasburgo il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione bipartisan sull’immigrazione che invita gli stati a «modificare o rivedere eventuali normative che infliggono sanzioni a chi presta assistenza in mare».

Ora, come i lettori di Tempi sanno (perché hanno letto questo articolo per esempio), la legge italiana che regolamenta la materia, la famigerata Bossi-Fini, non prevede alcuna sanzione di questo tipo. Al contrario, al comma 2 dell’articolo 12 indica esplicitamente che «non costituiscono reato le attività di soccorso e assistenza umanitaria prestate in Italia nei confronti degli stranieri in condizioni di bisogno comunque presenti nel territorio dello Stato».

Ciononostante, in Italia molti politici e una certa parte della stampa, cavalcando l’emozione per il terribile naufragio dei profughi eritrei avvenuto a Lampedusa a inizio ottobre, hanno iniziato giorni fa a chiedere (con tanto di raccolta firme) l’abolizione della Bossi-Fini additandola come colpevole di tutte le morti in mare, dal momento che – affermano – introduce pene anche per chi soccorre gli immigrati sui barconi in difficoltà.

Perciò questa mattina è stato facile profeta il quotidiano Libero pubblicando in prima pagina una specie di avvertenza rivolta ai suoi lettori: «Oggi leggerete su altri giornali e sentirete dire in tv che il Parlamento europeo ha attaccato la Bossi-Fini».

Al di là del merito della questione (come tutte le leggi umane, anche la Bossi-Fini si può discutere, purché lo si faccia con onestà e senza inventare balle), l’episodio è utile per comprendere come nascono le bufale giornalistiche.

Ecco l’articolo che compare nell’edizione odierna di Repubblica sull’argomento:

Ed ecco quello del Corriere della Sera, lievemente meno strumentale:

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. beppe says:

    è la stampa sinceramente democratica, monnezza!!!!

  2. francesco taddei says:

    sta avvenendo un esodo. non ci vuole più europa, ci vuole che gli scafisti vanno arrestati. l’unica soluzione è che si facciano dei centri di accoglienza in tunisia-libia e finisca questo traffico.

  3. Q.B. says:

    Ipocrisia sopra ipocrisia: la legge in vigore oggi non può nemmeno essere sostanzialmente cambiata perché come tutte le leggi sull’immigrazione vigenti nei paesi europei oggi è altro che applicazione di regolamenti e direttive EU. La parte su respigimenti ed espulsioni, ad esempio, è riproduzione piu o meno pedissequa della direttiva 115/2008 CE che ne delinea i contenuti. Alla fine la sola cosa che potrebbero cambiare alla bossi-fini è … il nome.

  4. Gmtubini says:

    Mi si consenta una digressione.
    Ogni otto marzo, in occasione della festa della donna, ci tocca riascoltare la famosa balla delle operaie morte nell’incendio di una fabbrica a Chicago.
    Da anni il fatto, così come ci viene narrato, è stato smentito e oggettivamente catalogato come balla propagandistica messa su di sana pianta dall’internazionale socialista.
    Orbene, se dopo oltre un secolo dall’inesistente fatto la sinistra continua a strumentalizzare quelle morti finte, figuriamoci a che punto può arrivare quando ci sono delle morti vere.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.