Google+

I soli occhi capaci di sondare la terra, il mare e le loro tragedie

maggio 25, 2014 Annalisa Teggi

«E quindi uscimmo a riveder le stelle» (Inferno, canto XXXIV)

Dopo essere sceso nella voragine infernale, Dante riemerge e ritrova la vista delle stelle. Mi chiedo che impressione abbiano avuto i minatori turchi usciti superstiti dall’inferno sotterraneo a Soma; non saranno stati pensieri così poetici, ma lamenti semicoscienti e scioccati. Si dice che alcuni di quelli rimasti intrappolati e vivi là sotto abbiano tentato il suicidio.

Fra i trecento morti c’è anche Kemal Yildiz, 15 anni; l’hanno chiamato il Rosso Malpelo di Soma, perché, come quel celebre personaggio, anche lui ha conosciuto fin da piccolo il duro mestiere di chi si spacca la schiena sottoterra. E proprio a Verga mi ero messa a pensare anch’io, constatando che nel giro di due giorni due diverse stragi parevano uscite proprio dalla voce del grande narratore siciliano.
Mare e terra, naufragi e crolli sotterranei: prima abbiamo visto l’ennesimo dramma dei migranti che sono morti al largo della Sicilia, poi dalla Turchia è arrivata la notizia del crollo in miniera. Centinaia di vittime in entrambi i casi, condizioni di vita estreme che l’occhio di Verga abbracciò semplicemente guardando la vita nella sua terra natia: il naufragio della Provvidenza, la barca dei Malavoglia, e la storia del piccolo Rosso Malpelo.

Per mare e per terra, lontano da qui, ma anche a un palmo di naso, tragedie imprevedibili e tragedie prevedibili accadono. «Volete metterci un occhio anche voi, a cotesta lente?», chiedeva Verga alla nobildonna incuriosita di conoscere la vita dei pescatori e contadini di Sicilia. E lei, schifata, non resistette in mezzo a quella gente neppure 48 ore. C’era un universo intero tra quelle zolle e onde, ma troppo duro da guardare.

Lo scrittore, invece, guarda, perché sotto sotto lui è una specie di creatore ed è attratto dai grandi elementi del creato: fuoco, aria, acqua e terra. Sappiamo che nel terzo giorno Dio separò l’acqua dalla terra: «E così avvenne. Dio chiamò l’asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona». Per quanto siano cose buone e separate, il mare e la terra sono anche abissi di dolore, s’annega e si soffoca. A distanza di un giorno la cronaca ci ha ricordato che nella grande varietà di paesaggi acquei e terrestri nessun luogo è senza pericolo, e in ogni elemento la mano dell’uomo perpetra abusi e violenze.

Questo pensavo, quando sul treno ho buttato l’occhio sul quotidiano che leggeva il tizio accanto a me. Il titolo della pagina in cui si era soffermato recitava: “Niente soldi, sponsor e genitori dipingono la scuola”. Se nessuno si adopera per sistemare una scuola, ecco che i genitori si armano di pennelli e attrezzi. E grazie a questo il mio pensiero è andato oltre. Già, perché fu così fin dal principio, da quando spiccò, tra i tanti animali del creato, uno che disegnava sulle pareti delle grotte.
Fu l’unico capace di alzare gli occhi stupiti alle stelle e rimase l’unico in grado di disegnare, raccontare, calcolare… insomma in grado di sondare con coscienza e partecipazione (non solo con abusi e violenze) il putiferio che c’è in ogni dove, per mare e per terra. Resta l’unico capace di incalzare i suoi simili a essere vigili dicendo: vuoi buttarci un occhio anche tu?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana