Google+

I soli occhi capaci di sondare la terra, il mare e le loro tragedie

maggio 25, 2014 Annalisa Teggi

«E quindi uscimmo a riveder le stelle» (Inferno, canto XXXIV)

Dopo essere sceso nella voragine infernale, Dante riemerge e ritrova la vista delle stelle. Mi chiedo che impressione abbiano avuto i minatori turchi usciti superstiti dall’inferno sotterraneo a Soma; non saranno stati pensieri così poetici, ma lamenti semicoscienti e scioccati. Si dice che alcuni di quelli rimasti intrappolati e vivi là sotto abbiano tentato il suicidio.

Fra i trecento morti c’è anche Kemal Yildiz, 15 anni; l’hanno chiamato il Rosso Malpelo di Soma, perché, come quel celebre personaggio, anche lui ha conosciuto fin da piccolo il duro mestiere di chi si spacca la schiena sottoterra. E proprio a Verga mi ero messa a pensare anch’io, constatando che nel giro di due giorni due diverse stragi parevano uscite proprio dalla voce del grande narratore siciliano.
Mare e terra, naufragi e crolli sotterranei: prima abbiamo visto l’ennesimo dramma dei migranti che sono morti al largo della Sicilia, poi dalla Turchia è arrivata la notizia del crollo in miniera. Centinaia di vittime in entrambi i casi, condizioni di vita estreme che l’occhio di Verga abbracciò semplicemente guardando la vita nella sua terra natia: il naufragio della Provvidenza, la barca dei Malavoglia, e la storia del piccolo Rosso Malpelo.

Per mare e per terra, lontano da qui, ma anche a un palmo di naso, tragedie imprevedibili e tragedie prevedibili accadono. «Volete metterci un occhio anche voi, a cotesta lente?», chiedeva Verga alla nobildonna incuriosita di conoscere la vita dei pescatori e contadini di Sicilia. E lei, schifata, non resistette in mezzo a quella gente neppure 48 ore. C’era un universo intero tra quelle zolle e onde, ma troppo duro da guardare.

Lo scrittore, invece, guarda, perché sotto sotto lui è una specie di creatore ed è attratto dai grandi elementi del creato: fuoco, aria, acqua e terra. Sappiamo che nel terzo giorno Dio separò l’acqua dalla terra: «E così avvenne. Dio chiamò l’asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona». Per quanto siano cose buone e separate, il mare e la terra sono anche abissi di dolore, s’annega e si soffoca. A distanza di un giorno la cronaca ci ha ricordato che nella grande varietà di paesaggi acquei e terrestri nessun luogo è senza pericolo, e in ogni elemento la mano dell’uomo perpetra abusi e violenze.

Questo pensavo, quando sul treno ho buttato l’occhio sul quotidiano che leggeva il tizio accanto a me. Il titolo della pagina in cui si era soffermato recitava: “Niente soldi, sponsor e genitori dipingono la scuola”. Se nessuno si adopera per sistemare una scuola, ecco che i genitori si armano di pennelli e attrezzi. E grazie a questo il mio pensiero è andato oltre. Già, perché fu così fin dal principio, da quando spiccò, tra i tanti animali del creato, uno che disegnava sulle pareti delle grotte.
Fu l’unico capace di alzare gli occhi stupiti alle stelle e rimase l’unico in grado di disegnare, raccontare, calcolare… insomma in grado di sondare con coscienza e partecipazione (non solo con abusi e violenze) il putiferio che c’è in ogni dove, per mare e per terra. Resta l’unico capace di incalzare i suoi simili a essere vigili dicendo: vuoi buttarci un occhio anche tu?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana