Google+

I 13 tifosi dell’Iraq, “martiri” per la bellezza del calcio che i tagliagole dell’Isis non possono capire (ma Dio sì)

gennaio 20, 2015 Pino Suriano

giordania-iraq-2

Cari miliziani dell’Isis, ma almeno l’avete visto il gol di Yaser Kasim? Non potete vederlo su uno schermo? Ok, ve lo racconto io. Minuto 77, difesa schierata. Lui che fa? Triangolo, controllo da manuale, poi uno, due, tre dribbling (l’ultimo da fuoriclasse) e palla in rete, non senza la fortunata deviazione di un avversario (il divino aiuta sempre le grandi cose: è per ricordarci che non le facciamo da soli).

giordania-iraq-1Gruppo D della Coppa d’Asia, l’Iraq passa sul campo della Giordania, si va ai quarti. È il 12 gennaio 2015. Tredici ragazzi in quell’istante sono davanti alla tv, esultano, si abbracciano. Non se la sarebbero persa per tutto l’oro del mondo quella sfida, l’hanno pagata “un tantino” di più.

Si può morire per quella piccola gioia, come è accaduto a loro, uccisi dai miliziani dello Stato islamico perché il dio vero odierebbe il calcio, secondo la sharia. Fucilati per questo.

Si poteva anche vivere senza quella gioia piccola, dirà qualcuno. No. Se c’è un motivo per vivere è godere di ciò che è bello. Tutto il resto (lavoro, doveri, impegni, missioni, e pure le religioni) è un mezzo: il fine è godere. Gaudium, dice la Chiesa.

Non sono morti per una cosa piccola. Sono morti, “martiri” direi, per il motivo più sacro, divino, religioso. Più sacro di tutte le vignette del mondo, più di tutte le grani battaglie civili: un istante di bellezza. È per difendere questo, in fondo, che le battaglie civili si fanno. Non sono morti per un’idea, ma per un gusto.

giordania-iraq-5Bello e triste allo stesso tempo, poi, è pensare che sia stato il calcio quell’istante pagato tanto caro. È “caro” anche a me, quel capolavoro umano di bellezza nato in Inghilterra (non solo umano, dicevo prima) che accende gli animi, li scalda, li fa innamorare e talvolta colpire. Abbiamo visto tante volte la follia “ultrà” di chi colpisce per il calcio e le passioni che suscita, mai avevamo visto colpire contro la passione (chiedo scusa a tutti i familiari delle vittime da stadio, ma mi sembra anche peggio).

Je suis football allora. Come prima, oggi più di prima.

Cari miliziani dell’Isis, sappiatelo: Dio è certamente un grande appassionato di calcio. E non è neppure neutrale. Il 12 gennaio ha tifato per l’Iraq, con loro. Che li abbia in gloria, e che vi perdoni.

“Je suis footbal, je suis l’Iraq”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Matteo Bassi says:

    Dio li ha in gloria,di certo

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download