Google+

Fumetto – Kobane Calling di Zerocalcare

gennaio 26, 2015 Amedeo Badini

Internazionale-ZerocalcareGraphic journalism e Zerocalcare: il primo è un genere fumettistico che utilizza i baloon e il disegno per raccontare fatti di cronca e di attualità, specialmente da zone di guerra ma non solo; maestri del genere sono Joe Sacco o Guy Delisle. Il secondo invece è il nome d’arte di Michele Rech, 31 anni, fumettista romano di Rebibbia (e ci tiene molto) cresciuto sul web con dissacranti e spassosi spaccati di vita vera della sua generazione e che, con l’aiuto di Makkox, ha autoprodotto la sua prima opera ed è diventato autore da centinaia di migliaia di copie, edite da Bao Publishing. I due si incontrano per una “storiona” (come la chiama lui) pubblicata sul numero 1085 dell’Internazionale e, una volta esaurito, ristampata sul numero successivo uscito venerdì 23 in un albetto a parte, in tutte le edicole.

“Kobane calling”, il titolo della storia, è un viaggio che Zerocalcare ha affrontato a fine anno con la staffeta Romana per Kobane, confluita nel progetto Rojava Calling. La città al confine con la Turchia, in territorio siriano ma abitato da una folta rappresentanza turca è stato il baluardo della difesa contro ISIS, e oggetto di aiuti internazionali interessati ma anche intermittenti. Non sta a noi analizzare la situazione da un punto di vista geopolitico. Ciò che ci interessa è lo stile dell’autore, e di come, ancora una volta, riesce a portarci in una realtà lontana in maniera semplice e non banale. L’autore nelle dense 42 pagine inserisce tutti quei tic e quei dettagli tipici del suo narrare: l’accento romano, le citazioni della generazione nata negli anni ’80 (Ken il Guerriero in primis), un menefreghismo che poi si riscatta, le manie dell’era del consumismo, dalle merendine in su. E non mancano mai neanche gli aneddoti autobiografici dell’autore.

Ed è questo stile, questo pastiche umoristico e surreale che fa scattare, non solo la partecipazione, ma anche la riflessione. Zerocalcare KobaneSeppur non tutti si possano ritrovare nelle esperienze di vita e nei gusti di Zero, la narrazione e la sincera e genuina spontaneità generano una forte empatia. I disegni fanno il resto e, senza utilizzare tecnicismi semplicistici o minimalismi come fanno tanti altri, risultano sempre curati, densi nell’inchiostrazione e nell’utilizzo dei neri. In più, il layout regolare ma a volte piacevolmente scomposto, l’approccio neo-tecnologico, ed un ricco utilizzo di commenti fuori campo e di rapidi flashback in stile Griffin (per citare uno dei tanti) movimenta la narrazione.

Il reportage descrive con sincerità ciò che accade in luoghi lontani ma ormai vicini, e Zerocalcare lega tutta la narrazione con un piccolo dubbio che risolverà solo alla fine, mantenendo viva l’attenzione. Ma sono le battute e la sincerità a coinvolgere. Kobane Calling è quindi non solo un buon esempio di graphic journalism, per quanto volutamente meno serioso. Si tratta anche di un buon modo per iniziare a conoscere Zerocalcalre che, al netto di qualche provincialismo, ha una fluidità ed una potente capacità umoristica e disincantata di rappresentare il reale, che non può che convincere e portare al fumetto anche chi non l’ha mai letto.

Kobane Calling, di Zerocalcare, b/n 42 pagine, albetto allegato al numero di Internazionale in edicola fino a Giovedì 29 Gennaio, 3€, in tutte le edicole

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Nino scrive:

    Zerocalcare è un grande!

  2. Jeff m. scrive:

    Eccezionale ZeroCalcare, un ragazzo cresciuto in ambienti totalmente distanti dai miei eppure così umanamente vicino.
    L’empatia che genera con il lettore è dote rara negli autori moderni. Si merita tutto il successo che sta avendo. Ed è bellissimo constatare che, nonostante il successo ben tangibile, non si è – ancora – montato la testa.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana