Google+

Fotografia – A Venezia gli scatti di Rachele Maistrello

marzo 25, 2015 Mariapia Bruno

unnamedL’abbiamo fatto un po’ tutti, davanti le grandi opere fotografabili che più ci hanno colpito: che sia un selfie vicino a La lattaia di Vermeer o un ritratto di famiglia con dietro il Campo di grano con volo di corvi di Van Gogh poco importa. E’ l’idea di entrare in contatto, di dialogare con l’opera e con i suoi protagonisti che conta, che fa nascere un rapporto informale tra lo spettatore e la creazione. Ma l’artista Rachele Maistrello si spinge ancora oltre, giocando sul confine tra realtà e finzione: protagonista della mostra Beyond Reasonable Evidence, aperta presso la galleria upp di Venezia fino al 15 aprile 2015, la fotografa offre al pubblico l’occasione di mettere in discussione l’evidenza della realtà, immortalando il viso di un soggetto in carne e ossa accanto il viso di un soggetto in un antico ritratto.

La somiglianza tra i due soggetti, quello dipinto e quello fotografato, balza subito all’attenzione. Ecco il punto di partenza per esplorare le contrapposizioni tra realtà, pittura e fotografia. La doppia rappresentazione sottolinea sia le somiglianze che le incongruenze tra le due figure. La foto rivela piccoli dettagli che accomunano i due soggetti, come la cerniera della giacchetta o alcuni tratti marcati del viso, ma scavando ancora questi dettagli si leggono, ironicamente, come imperfezioni che ne convalidano la realtà. Ma sia la persona ritratta che quella fotografata non possono ancora esser definiti reali. E chi è reale in questo gioco di osservazione se non lo spettatore?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana