Google+

Topi e paperi visti in maniera unica da Silvia Ziche

febbraio 4, 2014 Amedeo Badini

Silvia Ziche è un nome noto nel panorama fumettistico, anche extra-disney. Inventrice di “Alice a quel Paese” per Smemoranda e Comix, giovane ragazza disincantata che guarda il mondo con innocente candore, e di Lucrezia per Donna Moderna, personaggio che cerca il riscatto lottando con le paturnie sentimentali e le crisi esistenzialiste di tutti i giorni, Silvia Ziche è un’autrice a tutto tondo, dedita ai testi, all’ideazione di nuovi personaggi e di nuove situazioni, non disdegnando collaborazioni con grandi autori, come Vincenzo Cerami e il suo “Olimpo S.p.a.“, irriverente moderna rilettura dei miti olimpici. Infine, molto nota la sua lunga collaborazione con Tito Faraci, che ha creato capolavori umoristici come “Infierno!” oppure un celebre episodio di Paperinik.

Questa introduzione spiega, in pochissime parole, quanto sia stata una scelta corretta dedicare il primo numero della collana della Disney Libri “Disney d’Autore” a Silvia Ziche. Un volume assai efficace, perché pubblica storie dall’ampio repertorio zichiano con un’ottima scelta, spaziando tra i generi e mostrando anche diverse collaborazioni. Si parte con “Paperina di Rivondosa”, lunga parodia del celebre serial tv ambientato alla corte sabauda. L’avventura in costume è un pretesto per raccontare degli amori disneyani tra Paperino e Paperina e mettere in scena una lunga serie di gag corrosive, di tormentoni demenziali e di battute fulminanti. La storia prende in giro anche i feuilletton televisivi e le relative semplificazioni della trama, oltre che alle “stranezze” di fine ‘700 e l’impossibilità per un nobile di sposare una serva. La Ziche non esita a presentare argomenti “difficili” in un contesto disney, tra preti, killer, matrimoni e depressioni malcelate. Stempera il tutto con grande ironia e situazioni esilaranti, come si vede nella gallery, giocate sia a livello di dialogo che di disegno. Le espressioni dell’autrice sono uniche, grandiose e geniali, deformando occhi e becco e orecchie per offrire una grandissima gamma di emozioni, un unicum a livello disneyano che non ha pochi precedenti.

In “Topolino e la rapina del millennio” è Topolino a precipitare in un vortice di surreali gag. Costretto a ricredersi su sé stesso e a pensare di non essere il buono che tutti conoscono, cerca in tutti i modi di scagionare il suo diabolico nemico Pietro Gambadilegno. In questo modo, inscenando un’assurda catena di eventi, Ziche mette alla berlina il Topolino perfettino e lo de-mitizza, e metterlo vicino all’abbondante Trudy amplifica l’effetto comico. Inoltre, anche lo sclerotico sistema televisivo mass-mediatico viene abbondantemente preso in giro, per la sua inconsistente onnipresenza. Irresistibile la lunga catena di battute che si sussegue. In maniera simile, la Ziche crea anche le vignette di apertura di Topolino, i “Che aria tira a…“, dove può davvero rappresentare, con paperi e topi, le stravaganze della vita contemporanea e le paure quotidiane, instillando però sempre un sorriso.

Sicuramente nel rappresentare questioni sentimentali Silvia Ziche è un maestro, e in un paio di storie in questo volume, su testi della brava Gaja Arrighini, inscena il difficile rapporto tra Paperone e Brigitta in maniera esilarante e pungente. Allo stesso modo, Tito Faraci rielabora il ruolo di Gambadilegno in “Questioni di classe” dandogli molte battute, complici smidollati e panda e nanetti di gesso a gogò, simboli dell’umorismo faraciano. Ma forse è nella storia più antica del volume, 1995, “Il bambalione”, che assistiamo in nuce alle caretteristiche che Silvia Ziche continua a portare avanti. Grazie ad una bella sceneggiatura di Nino Russo, le psicologie di Paperino e Paperina sono reali, così come le loro scaramucce e i loro dispetti sentimentali. Gli occhi e i volti stiracchiati della Ziche, suo marchio di fabbrica, fanno il resto.

Un’autrice eccezionale, che non solo instilla nelle storie disney un umorismo slapstick mai banale o noioso, ma utilizza sempre un’umanità di fondo e un realismo delle piccole cose che dona freschezza e tridimensionalità ai personaggi. Da un punto di vista grafico, il lavoro è eccezionale. Uno stile unico, rispettoso della tradizione italiana ma completamente inedito. Debitrice all’inizio della sua carriera del maestro Giovan Battista Carpi, ha poi trovato una sua efficace strada. Linee curve e morbide, occhioni espressivi, volti dinamici, corpi flessuosi ed elastici simili ad un cartoon di Tex Avery. In questo volume si vede tutto questo e altro ancora, in una bella forma editoriale, con delle interessanti introduzioni dell’autrice stessa, in linea con quanto fatto con il volume su Mastantuono. Storie adulte, con personaggi grandi, che parlano a chiunque quando un artista è alla loro altezza, come nel caso di Silvia Ziche.

Disney d’Autore n.1 Silvia Ziche, Disney Libri, 14,9€, in libreria e in fumetteria.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana