Google+

Solo i cristiani d’Oriente possono salvare l’islam

gennaio 8, 2016 Redazione

gerusalemme-chiesa-moschea-croce-mezzaluna-shutterstock_48580450

Oggi è apparso su AsiaNews un lungo e interessante articolo di Samir Khalil Samir, gesuita arabo, docente di storia araba e islamologia all’università di Beirut. Analizzando il rapporto tra sunniti e sciiti, Arabia Saudita e Iran, islam e fondamentalismo, Corano e ragione, ha sottolineato il ruolo fondamentale che possono avere i cristiani d’Oriente per aiutare i musulmani a far uscire l’islam «dalla crisi più profonda degli ultimi due secoli».

«Se in Arabia vi fosse una visione liberale simile alla Tunisia per esempio, oggi avremmo una situazione islamica molto diversa, più aperta, più tollerante. Ed è questo che la maggioranza dei musulmani desidera raggiungere, senza purtroppo sapere come fare, o senza osare fare ciò che sanno essere inevitabile. Non si tratta d’imitare l’Occidente in tutto ciò che fa – sarebbe catastrofico! –; ma si tratta di discernere nella modernità ciò che è positivo e costruttivo, per applicarlo. In questo, penso che i cristiani d’Oriente abbiano una missione di discernimento, per aiutare i loro fratelli musulmani ad integrare il positivo della modernità, rigettando ciò che è negativo».

Foto tratta Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Uei, bisogna vedere se l’ipotetica “missione” cui aspirerebbe il sig. Samir interessa a qualcuno -se lasciarsi aiutare compare nella lista delle cose da fare dei “fratelli musulmani”…Sarebbe da chiedere a loro: nell’articolo si legge che la maggioranza lo desidererebbe….in fondo, lo credo anche io..si sono accorti che così non va… Niente brilla di più delle sante, profonde, belle, UNICHE parole uscite dalla bocca di Gesù..

  2. dodi scrive:

    ….solo i cristiani d’oriente possono salvare l’occidente che si è dimenticato le sue radici cristiane…il problema è che le hanno perse anche i “pastori”moderni affabulatori che anzichè portare il Vangelo portano il loro gigantesco eretico IO mondano.

  3. Ale scrive:

    Stimo Samir, ma questa volta non concordo con lui.
    L’islam è quello che vediamo oggi da sempre, ossia da oltre 1.400 anni. Sostenere di poter cambiare l’islam è demagogico, perchè sarebbe come tentare di cambiare l’ideologia nazista. L’islam, per cambiare, dovrebbe diventare semplicemente un’altra cosa.
    E anche che la “maggioranza dei musulmani” voglia essere tollerante, non trova riscontro nei dati di molti sondaggi. Ad esempio, risulta che circa il 70-80% dei tunisini e dei marocchini vorrebbe una stretta applicazione della sharia alle leggi governative, e che l’85% degli egiziani approvi la pena di morte per l’apostata (Pew Research Center, 2013).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

Citigo può contare su di una maggiore interazione con gli smartphone, mentre la compatta Fabia è disponibile nell’allestimento sportivo Monte Carlo. Look da crossover e ricca dotazione di serie per la versione ScoutLine di Fabia Wagon.

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana