Google+

Cosa insegna a questa Italia in ritirata la maestria di Annette Gabbedey, orafa senza dita

marzo 16, 2014 Annalisa Teggi

annette-gabbedey«Similemente operando a l’artista/ ch’a l’abito de l’arte ha man che trema» (Paradiso, canto XIII)

Bellezza. Non se n’è mai sentito parlare così tanto. Qualcuno si è addirittura chiesto se anche Peppa Pig ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sul film di Sorrentino. Tutti ne parlano, e più che fare una recensione della pellicola, tutti hanno voglia di dire la loro sulla bellezza. Ed è giusto, anzi naturale, perché connaturato. Lo scroscio impetuoso di tutta questa frenesia per la bellezza, mi ricorda la vecchia storia contenuta in quel vetusto racconto che è la Genesi: il Creatore si mise all’opera e di ogni cosa che creò disse che era buona. Semplificando, in modo brutale: Dio fa una cosa, la guarda e dice che gli piace. E pare che questa buona abitudine ce l’abbia attaccata, considerando il successo planetario di quella trovata chiamata Facebook: pubblichiamo in bacheca le cose fatte (e osserviamo quelle degli altri) e poi clicchiamo “mi piace”.

Dopo milioni di anni di evoluzione, l’uomo è ancora quello che Dio volle somigliante a sé. Non è solo un esecutore che fa e non è solo uno spettatore che commenta. È un addetto ai lavori ingaggiato in un progetto grandioso, quell’opera d’arte bella e buona che è il mondo, a cui collabora a cuore scoperto e interessato. Eppure spesso le sue mani tremano. L’Italia è bella eppure Pompei cade a pezzi. Le grandi opere sono importanti eppure nei cantieri ci sono più avvocati che operai.

Dal bilancio degli «eppure» si esce fermi e sconsolati. Ma basta anche solo un esempio umano di operosa creatività in carne e ossa per sbriciolare tutti gli «eppure» di questo mondo.

Prendiamo il caso della signora Annette Gabbedey, una talentuosa orafa inglese di 48 anni, specializzata nella creazione di gioielli in diamante e opale. La vetrina del suo negozio non ha nulla da invidiare a quelle di Cartier e Tiffany, quei regni in cui la bellezza luccica così tanto da dare l’impressione – come diceva Audrey Hepburn – che lì dentro non possa succedere niente di brutto.

annette-gabbedey-vetrinaFare gioielli è un’arte che richiede grande maestria; è forgiare, limare, scolpire la preziosità già contenuta nella materia grezza fino a darle la forma di creazioni minute, incantevoli e perfette. Annette fa tutto questo e lo fa senza dita, a causa di una malformazione congenita.

Quando racconta del suo mestiere ne parla con spontanea cordialità e senza rammaricarsi della sua malformazione; dice che quelle mani senza dita sono le uniche specie di mani che ha conosciuto fin dalla nascita, le uniche con cui ha imparato quel mestiere che ama e che compie senza ricorrere a strumenti diversi da quelli degli altri orafi.

Ecco, in teoria ci sarebbero sempre mille validi motivi per defilarci dalle grandi e belle imprese (materie prime scarse, condizioni sfavorevoli, errori ripetuti). Potremmo dichiararci assenti giustificati. Invece, alla prova dei fatti anche il lavoratore inadeguato è un operaio qualificato.

Al giovane poeta, preoccupato di trovare qualcosa che potesse ispirargli nobili versi (in cerca della grande bellezza, insomma), Rilke rispose: «Se la sua giornata le sembra povera, non la accusi; accusi se stesso, si dica che non è abbastanza poeta da evocarne le ricchezze; poiché per chi crea non esiste povertà, né vi sono luoghi indifferenti o miseri».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download