Google+

Bersani, debitamente pelato ed «eroticamente composto»

dicembre 3, 2012 Redazione

PELATI ROSSI ROSSI. Geminello Alvi, in vena fisiognomica, ha scritto che «le forme craniche squadrate di Bersani, atavismo palese delle culture megalitiche preindoeuropee, e quella sua certa calvizie operosa da mezzadro nato fattore» lo collocano a livello anche fisico nell’area del «comunismo appenninico».
Filippo Ceccarellila Repubblica

PELATI A LUCI ROSSE. I creativi Biosi & Scibilia che anni fa curarono la sua (di Bersani, ndr) campagna d’immagine lo rappresentarono in maniche di camicia, debitamente pelato ed «eroticamente composto».
Filippo Ceccarellila Repubblica

ALTRE TASSE? Il significato sintetico e luminoso di questo voto finale è che il Paese chiede una svolta a sinistra nell’agenda di governo.
Nichi Vendola intervistato da Annalisa Cuzzocrea sulla vittoria di Pier Luigi Bersani alle primarie della sinistra, la Repubblica

MA CHE BEL QUADRETTO. Le rendite di posizione, il conservatorismo delle burocrazie politico-amministrative, i rapporti opachi con le banche “rosse” e il mondo cooperativo, la mancanza di nerbo e di fantasia di un partito, il Pd, che è spesso sembrato lo strascico di una storia finita piuttosto che il germe di una storia nuova, sono le pesanti incrostazioni che il nuovo leader del centrosinistra, forte di un’investitura popolare indiscutibile, dovrà per forza affrontare.
Michele Serrala Repubblica

SENZA VUOTA RETORICA. Queste primarie rappresentano comunque un cambio di fase. Senza falsi ecumenismi, senza vuota retorica: il merito è di chi ha vinto, ma anche di chi ha perso.
Massimo Gianninila Repubblica 

LA DIGNITÀ DELLA COSINA. Stereotipo maschilista ma non solo maschile, la donna-oggetto è indubbiamente stata (così si dice oggi) un “tema”: individuato, discusso, attaccato e, quando ormai pareva superato in termini di civiltà generale, riemerso più forte di sempre, nelle più becere estetiche televisive con strascichi tribali e Bunga Bunga. Ma al contrario della donna-oggetto, l’oggetto-donna (l’oggetto cioè desiderato e posseduto, con il suo esanime erotismo), non ha quasi mai preoccupato nessuno. La “cosa” è anzi metafora sessuale normalissima: la cosina, il coso, il loro cosarsi.
Stefano Bartezzaghi recensisce la mostra milanese “Kama. Sesso e Design”la Repubblica

SHUNGA SHUNGA. Il design cerca di riprodurre quel rapporto simbolico e anche quotidiano che l’antichità aveva con la sfera sessuale. (…) Lo stesso ruolo giocato in Giappone da scrupolose rappresentazioni di atti sessuali (shunga), conservate nei bauli con le armi dei guerrieri o nel corredo delle spose, a fini apotropaici o didattici.
Stefano Bartezzaghi recensisce la mostra milanese “Kama. Sesso e Design”la Repubblica

MOSTRA DEL CAZZO. Una sorta di Festival della Mentula (e organi affini).
Stefano Bartezzaghi recensisce la mostra milanese “Kama. Sesso e Design”la Repubblica

ALTA ORIFIZIERIA. Oggetti antichi e moderni, industriali o unici, funzionali o simbolici sono distribuiti su “tavoli anatomici”, distinti per afferenza, a comporre un atlante del corpo erotico: falli, vagine, seni, glutei, orifizi e accoppiamenti.
Stefano Bartezzaghi recensisce la mostra milanese “Kama. Sesso e Design”la Repubblica

EH? Un altro caso di calco è quello che nel 1968 la groupie Cynthya Plaster Caster prese dal pene di Jimi Hendrix, per ricavarne una scultura in gesso. Manico per manico, il rispettabile risultato ci ammonisce sul vero significato della centralità del front-man nei concerti e del suo agitare il chitarrone avanti e indietro, sopra e sotto, di qua e di là, “live”.
Stefano Bartezzaghi recensisce la mostra milanese “Kama. Sesso e Design”la Repubblica

BACIAMI LA RIMA. Un poemetto verbovisivo di Giovanni Anceschi ottiene lo schematico ritratto di un volto componendolo con le sole quattro lettere che formano la parola CULO. Il titolo, opportunamente, è: Giano.
Stefano Bartezzaghi recensisce la mostra milanese “Kama. Sesso e Design”la Repubblica

FREE BESTEMMIE. La felicità è diventata costernazione adesso che in un’altra esibizione di sostegno alle ragazze (le Pussy Riot, ndr) Madonna ha cominciato a vendere t-shirt per aiutarle a pagare le spese legali.
Mark Franchettila Stampa

GLI IDEALI COSTANO. Questa vendita arriva nel mezzo di un’amara sfilza di sgradevolezze: la pubblicazione di un libro non autorizzato, liti con alcuni sostenitori e una disputa sui diritti e il relativo denaro tra le ragazze e i loro avvocati, ai quali è stato revocato il mandato.
Mark Franchettila Stampa

ZELIG. Il confronto diretto Mesto-Modesto profuma di tristezza ma anche di umiltà.
Ivan Zazzaroni su Twitter

ZELIC. Con Savic e con Kristicic potrebbe uscire il segno “ic”.
Ivan Zazzaroni su Twitter

SI CHIUDE IN BELLEZZA. Con 13 vittorie e un pari nelle prime 14 partite il Barcellona di Villanova firma il migliore avvio nella storia della Liga. Eh la Pep!
Ivan Zazzaroni su Twitter

ASCOLTANDO BAGLIONI. Cantare la costituzione. Può sembrare un’idea strana, singolare, magari insensata. A Shel Shapiro (…) l’idea è venuta quasi per caso.
Ernesto Assantela Repubblica

SONO UN TIPO SCOMODO, IO. Potremmo dire che vuole fare “controinformazione”, come negli anni Sessanta, per stimolare la curiosità dei ragazzi, della gente? «Sì, in fin dei conti questa è controinformazione».
Shel Shapiro intervistato da Ernesto Assante sull’idea di “cantare” la Costituzione, la Repubblica

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana