Google+

Asia Bibi, nuovo rinvio dell’udienza. Ma c’è una buona notizia

settembre 9, 2014 Redazione

asia-bibiNuovo rinvio per l’udienza del processo di Asia Bibi, la donna cristiana pakistana condannata a morte per una ingiusta accusa di blasfemia e in carcere da cinque anni. Purtroppo è avvenuto di nuovo e, come vi abbiamo spesso raccontato, i rinvii dell’udienza sono un modo escogitato dalle autorità giudiziarie per prolungare l’agonia della donna ed evitare così le rimostranze dei facinorosi islamici.
L’udienza di oggi davanti all’Alta Corte di Lahore è durata pochi minuti, giusto il tempo per constatare la strategica assenza dell’avvocato dell’accusa e rinviare le parti al 16 ottobre. Tuttavia, una buona notizia c’è, come hanno raccontato gli avvocati di Asia Bibi, S.K. Chaudry e Sardar Mushtaq Gill, a Fides. Il giudice, Anwar Ul Haq, ha stabilito che la prossima udienza sarà l’ultima a disposizione dei legali per consegnare le loro argomentazioni finali. Dopo di essa egli emetterà la sentenza. «A giugno scorso – ha detto Gill – abbiamo presentato una speciale istanza all’Alta Corte, appellandoci ad alcuni articoli che impongono al Tribunale di esaminare un caso e giudicare. Il caso di Asia dovrà essere ascoltato. Siamo poi fiduciosi nel fatto che, esaminando nel merito i fatti, Asia possa essere assolta. I timori nascono solo da possibili influenze negative o pressioni degli estremisti sui giudici. Ma il giudice Anwar Ul Haq è persona stimata e corretta. Confidiamo nella buona fede e nell’indipendenza della magistratura».

BHATTI: I MUSULMANI TACCIONO. Paul Bhatti, fratello di Shahbaz ucciso dagli integralisti islamici, da sempre attento alla causa di Asia Bibi, ha spiegato alla Radio vaticana che il rinvio era nell’aria. «Nel Paese – ha detto – anche la giustizia è sotto pressione ma questo non giustifica il fatto che persone, come Asia Bibi, non debbano avere giustizia. Finché non ci sarà giustizia e uguaglianza anche per le minoranze, finché non ci sarà libertà religiosa in Pakistan, il Paese non potrà mai avere serenità e armonia. Sono molto dispiaciuto che non si riesca ad uscire da questa condizione nella quale le autorità politiche e gli estremisti fanno sentire la loro pressione sulla giustizia. Questo è triste, molto triste».
Oggi le forze più violente dell’estremismo islamico sono state in qualche modo emarginate e questo fa ben sperare anche per la risoluzione del caso. Tuttavia, nota Bhatti, «sono quasi cinque anni che ormai sta andando avanti il processo. I sacrifici sono stati tantissimi: quello di mio fratello, quello del governatore del Punjab… Inoltre, ci sono stati interventi della comunità internazionale, non solo per Asia Bibi come persona, ma come simbolo. È un donna che ha subito violenza, una persona povera; questo va contro ogni diritto fondamentale dell’essere umano e non può succedere. Anche supponendo che questa possa essere la verità, c’è anche il perdono nell’islam, l’islam è comunque una religione di riconciliazione». Anche se, ammette Bhatti, purtroppo i musulmani, che pure sono contrari all’uso della legge della blasfemia contro i cristiani, «non parlano».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana