Google+

Al ristorante dello Sri Lanka mangi bene e spendi poco

novembre 30, 2013 Tommaso Farina

Spendere poco e mangiar bene: il sogno dell’umanità. Sempre meno sono i “ristoranti salvagente”, quelli dove gusti una bella cena senza prosciugare il portafoglio, magari uscendone contento. Sempre più, viceversa, sono i locali-fregatura, quelli dove magari spendi pochissimo ma nel piatto hai roba di dubbia commestibilità. A Milano proliferano i cosiddetti “all you can eat”: ristorantoni spersonalizzanti, di solito a gestione cinese, dove pagando un prezzo fisso (quasi sempre inferiore ai 20 euro) hai il miraggio di “mangiare quello che vuoi”. Peccato che questo mangiare a volte sfidi qualunque buonsenso gustativo, anche per il divoratore compulsivo.

Prima che queste “fabbriche del mangiare” diventassero di moda, il Lucky Seven di Milano già applicava questa formula. Qui però niente cibaria pseudo cinese o finti sushi: piatti dello Sri Lanka, in scelta non enciclopedica (una dozzina di portate) ma culinariamente curati e più che accettabili. A pranzo il prezzo è di 10 euro, mentre a cena saliamo a 15 (che da dicembre diventeranno 17), anche se l’offerta è la stessa.
Ti siedi, appendi la giacca nel pratico angolo, e ti servi. Ci sono tre tipi di riso d’accompagnamento (basmati bianco, integrale e allo zafferano), cui accostare pietanze come il maiale con curry e peperone verde, le polpette di verdura, il curry di patate e cipolle (“ala teldalla”), le melanzane “pahi” alle spezie, le lenticchie temparaduwa (con peperoncino, curry e cipolle), i bocconcini fritti di pesce smeriglio (una specie di squalo). In un angolo, i cibi superpiccanti, come il pollo stew o i calamari ai peperoni. L’offerta cambia spesso.

C’è un angolo ove comporsi insalate miste, se a qualcuno interessa. Di scarso spessore i dolci, non orientali, tipo crème caramel o curiose gelatine multicolori. Da bere, acqua, birra o un paio di vini. L’ambiente è ricavato in una vecchia fabbrica. Non è molto affascinante, ma nemmeno vi impedirà di mangiare con gusto ciò di cui vi servirete da soli.

Per informazioni
Lucky Seven
www.autosrilanka.com/luckyseven/
Via A. Pasinetti, 8 – Milano
Tel. 0257401949
Chiuso martedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana