Google+

Bernardini e Perduca (Radicali): «La condanna di Farina? Incredibile e lunare»

luglio 11, 2012 Leone Grotti

Intervista a Rita Bernardini e Marco Perduca sulla condanna di Renato Farina a due anni e otto mesi per falso in atto pubblico: «Sono quattro anni che agisco come Farina e nessuno mi ha mai detto niente».

«È una sentenza che ha dell’incredibile, la definirei lunare». È deciso il commento a tempi.it della parlamentare radicale Rita Bernardini (nella foto) sulla condanna a due anni e otto mesi, senza la sospensione condizionale della pena, comminata dal giudice del tribunale di Milano Elisabetta Meyer al deputato del Pdl Renato Farina per “falso in atto pubblico”. Dello stesso avviso il senatore radicale, all’interno del gruppo del Pd, Marco Perduca: «Non so se si possa parlare di persecuzione nei confronti di Farina – dichiara a tempi.it – ma di sicuro non ho mai visto una sentenza del genere».

Il “falso” di Farina risalirebbe al 17 febbraio scorso, quando il deputato è entrato a Opera a fare visita al detenuto Lele Mora accompagnato da un ventenne non implicato nelle inchieste riguardanti il detenuto, ma pur sempre non figurante tra i collaboratori ufficiali di Farina. «La condanna mi sembra lunare – commenta Bernardini – perché grazie all’art. 67 dell’Ordinamento penitenziario (Legge 26 luglio 1975 n. 354) gli istituti penitenziari possono essere visitati “senza autorizzazione” da figure istituzionali precise, tra cui i parlamentari, come me o Farina. Il comma 2 dello stesso art. 67 precisa poi che “l’autorizzazione non occorre” nemmeno per coloro che accompagnano le persone di cui al comma precedente per ragioni del loro ufficio».

Esiste una circolare del ministero della Giustizia che richiede che le persone che accompagnano i parlamentari siano collaboratori con contratto a prestazione continuativa. «Questo non solo varia da carcere a carcere – continua Bernardini – ma soprattutto non c’entra niente con la legge. Infatti io, che ho fatto quasi 200 visite in carcere, quasi sempre porto con me i radicali del luogo dove si trova il penitenziario, che evidentemente non sono miei dipendenti. Di più, tra questi spesso c’è anche Marco Pannella, che non è più parlamentare da anni, e che evidentemente non lavora per me».

«Io sono entrato a San Vittore a maggio – aggiunge Perduca (nella foto) – avevo tre persone al seguito, nessuna di queste era un mio collaboratore, eppure non è successo niente, nessuno ha detto niente. Se Farina ha infranto la legge, anch’io infrango sempre la legge perché pur non avendo collaboratori, ogni volta che entro in carcere lo faccio sempre accompagnato da alcune persone».

Anche se si trattasse di infrazione, sarebbe un’infrazione «opportuna» per Perduca: «Chi lavora nella commissione diritti umani e visita i penitenziari che sono sparsi per l’Italia non si porta sempre dietro il portaborse romano. Prima di tutto perché queste carceri non sono solo a Roma ma in tutto il paese e poi perché è più importante avere al seguito una persona del luogo, che conosce il territorio e che quindi ha una sensibilità maggiore e fa più attenzione ai dettagli. Noi radicali, poi, non abbiamo collaboratori fissi».

A Farina, conclude Perduca, «gli hanno tirato davvero un bello scherzetto, neanche la sospensione condizionale della pena gli hanno dato. Io faccio come lui da quattro anni, eppure nessuno mi ha mai detto niente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. sslan scrive:

    siamo tutti vigilati in libertà provvisoria finchè il magistrato o il giudice di turno ti prende di mira. Nessuno pensi di essere esente

  2. aldo brunetti scrive:

    Sentenza insensata e sconvolgente.Certi giudici insinuano il sospetto che la giustizia NON E’ UGUALE PER TUTTI.
    Solidale con Farina,uomo buono ed onesto.

  3. Antonio scrive:

    perchè non ripristinare una vecchia forma di “battaglia” dei radicali: tutti i parlamentari che visitano le carceri si autodenuncino (visto che dicono che agiscono come ha agito Farina) e poi vediamo come va a finire…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana