Google+

L’Arabia Saudita condanna a morte un musulmano per apostasia. La rivoluzione dell’islam non può partire da qui

febbraio 24, 2015 Leone Grotti

La sentenza è arrivata il giorno successivo alla richiesta, fatta alla Mecca, da parte della massima autorità del mondo musulmano sunnita di «un radicale ripensamento dell’insegnamento religioso»

arabia-saudita-bandieraAhmed al-Tayeb, numero uno della moschea universitaria di Al-Azhar, ha sostenuto la «necessità di un radicale ripensamento dell’insegnamento religioso». La massima autorità religiosa del mondo musulmano sunnita ha condannato le «cattive interpretazioni del Corano e della Sunna» che causano il terrorismo e si è detto preoccupato, al pari del Gran Muftì dell’Arabia Saudita, Sheikh Abdul Aziz bin Abdullah, «delle azioni dei terroristi che distorcono grandemente l’immagine dell’islam all’estero». «Bisogna smettere di definire i musulmani “infedeli”», ha aggiunto.

ISLAM CONTRO IL TERRORISMO. Queste parole sono state pronunciate alla Mecca in apertura di un forum di tre giorni intitolato “L’islam e la campagna contro il terrore”, organizzato dalla World Muslim League. Tra gli illustri relatori hanno sfilato anche il nuove re saudita Salman e il suo ministro degli Esteri Saud bin Faisal, che si è vantato di aver organizzato il «primo summit internazionale contro il terrorismo già nel 2005».

MORTE PER L’APOSTATA. Tralasciando il momento in cui Al-Tayeb ha sostenuto che tutte le tribolazioni del Medio Oriente «dipendono da un complotto del sionismo internazionale», anche condividendo molte delle dichiarazioni fatte, il luogo dove sono state rilasciate non può non stridere e sollevare qualche legittimo dubbio.
Proprio oggi in Arabia Saudita (che secondo molti osservatori ha in parte finanziato l’Isis) un ragazzo sulla ventina è stato condannato a morte per apostasia. Come riportato da Saudi Gazette, l’uomo ha pubblicato un video nel quale strappa le pagine del Corano e le calpesta. «La sentenza di morte è stata emessa dopo che la sua apostasia è stata dimostrata. Questo si è sempre fatto fin dai tempi del Profeta e ci sono molteplici versi coranici su questo».

QUALE CREDIBILITÀ? Il Corano non si calpesta. Ma condannare l’estremismo religioso e le «cattive interpretazioni» dallo stesso paese che, un giorno dopo questi discorsi, condanna a morte un uomo perché non vuole più credere in Allah, mina la credibilità dell’intero discorso. Chiedere una rivoluzione educativa dall’Arabia Saudita (qui un ritrattino della monarchia estremista) e non dire una parola a favore della libertà religiosa, come se uccidere un uomo perché è un apostata non fosse violento tanto quanto uccidere un musulmano perché «infedele», davvero non può bastare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. paolo scrive:

    ma chi è che chiama i musulmani “infedeli” ?

  2. Sascha scrive:

    Cosa volete che venga dal deserto saudita? Avete presente il deserto: arido, senza vita, spietato? L’ambiente naturale condizione la vita e la mentalità di chi lo abita

    • Raider scrive:

      La rivoluzione dell’Islam può partiree anche da queste parti in via di islamizzazione. Un ragazzo blasfemo in Arabia Saudita vale una Asia Bibi in Pakistan e nei Paesi in cui sono in vigore leggi come quelle su blasfemia, apostasia e inferiorità giuridica di non islamici e donne. Gli islamici applicano le loro leggi contro la blasfemia nell’Islamistan e quelle contro la satira da noi. Se non rivedono le loro leggi, facciamo rispettare le nostre, i nostri usi e le nostre tradizioni almeno a casa nostra, fintanto che è casa nostra e non è ancora dar el Islam, la casa dell’Islam.

      • Sascha scrive:

        Qui si parla dell’Arabia Saudita non di altri paesi o di noi. Ogni società ha le sue dinamiche, quella saudita si caratterizza per un ferreo conservatorismo religioso e non ci sono segnali che indichino un’inversione di tendenza al momento.

        • Raider scrive:

          Si parla dell’Arabia Saudita, Sascha, ma per auspicare una rivoluzione dell’intero Islam: e dunque, riguarda chiunque a abbia a che fare con l’Islam, specie ora che ha messo su casa e moschea anche nell’Ue.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana