Google+

Anche nel neolitico si curavano i disabili gravi. La scoperta degli studiosi australiani

dicembre 21, 2012 Daniele Ciacci

Marc Ovenham e Lorna Tilley scoprono i resti di un uomo di 4.000 anni fa affetto dalla sindrome di Klippel-Feil. È il primo esempio di cultura dell’assistenza.

Man Bac Burial 9 (Tilley & Oxenham 2011: 37)

Anche nel neolitico l’uomo si occupava dei compagni disabili. A dirlo è una ricerca australiana nel Vietnam del Nord, che ha rinvenuto i resti di un venticinquenne vissuto 4.000 anni fa. Gli archeologi australiani hanno dimostrato che l’uomo era affetto dalla sindrome di Klippel-Feil, un raro disturbo dell’apparato locomotore dovuto alla fusione di due o più vertebre cervicali. La malattia porta con sé effetti minori come lo strabismo e la scoliosi e, nei casi peggiori, l’atassia (l’incapacità di muoversi autonomamente). I resti dell’uomo rinvenuti dagli studiosi della National Australian University Marc Ovenham e Lorna Tilley – quest’ultima con competenze in psicologia e assistenza sanitaria – mostrano chiaramente che egli era paralizzato dalla vita in giù e che non poteva muovere le gambe.

DIGNITA’ UMANA. Lorna Tilley, in un’intervista rilasciata al The Australian, dichiara che il giovane ha vissuto in quelle condizioni almeno dieci anni. Non è stato abbandonato né maltrattato. Non c’erano segni di infezione e di fratture, nonostante sia morto in circostanze che – dopo cinque anni di ricerca – ancora non si sono chiarite. Ciò sembra dimostrare che il giovane sia stato curato nonostante l’estrema disabilità, e mostrerebbe un volto nuovo delle popolazioni del neolitico, con una primitivissima cultura assistenziale e un senso forte della dignità umana, da cui consegue cooperazione e tolleranza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.