Google+

Anche il diavolo deve aggiornarsi sui genocidi: per fortuna che c’è la Lega a informarlo

dicembre 22, 2013 Berlicche

Armeni, ebrei, kulaki, cinesi, sudanesi, tutsi ma per Matteo Salvini anche «l’euro è un crimine contro l’umanità»

Mio caro Malacoda, hai mai sentito parlare del genocidio armeno? Nel 1896, in pieno impero ottomano, c’erano circa due milioni di armeni residenti in Anatolia. Un primo pogrom turco quell’anno fece cinquantamila vittime. Dopo un ammonimento da trentamila morti del 1909, nel 1915 iniziò il secondo massacro che produsse, secondo fonti turche duecentomila morti, secondo quelle armene due milioni e mezzo.
Le stime degli storici variano fra i cinquecentomila e i due milioni. Lo storico inglese Toynbee ritiene che i morti furono un milione e duecentomila, McCarthy seicentomila. La media di un milione e duecento-un milione e trecentomila morti è quella più comunemente accettata per quantificare il massacro, anche se c’è ancora chi non vuol sentir parlare di genocidio.

Hai mai sentito parlare dello sterminio dei kulaki? Unione Sovietica, anni Trenta. Lo storico americano Robert Conquest si attesta su sette milioni di morti: di cui circa tre milioni e mezzo perirono nella collettivizzazione e altrettanti in seguito alle deportazioni. Cifre non verificabili anche se verosimili per ammissione del regime. Certi sono invece i decessi provocati dalla carestia che seguì all’eccidio dei contadini: cinque milioni e mezzo morti per fame e per malattie causate dalla fame. Solzenicyn si spinge oltre e parla di quindici milioni di morti nella tundra.

Hai mai sentito parlare del genocidio sudanese? Un milione e novecentomila cristiani e animisti morti a sotto le armi o a causa del blocco imposto dal governo di Khartum all’arrivo degli aiuti umanitari destinati al Sudan meridionale. Forse saprai degli ottocentomila civili tutsi massacrati in Ruanda dagli estremisti hutu. Ottocentomila sono anche le vittime nel paese confinate, il Burundi.
Avrai letto qualche cosa sulla rivoluzione culturale cinese, sui tre milioni di intellettuali e membri di gruppi sociali “sospetti” uccisi, e sui cento milioni di cinesi incarcerati o deportati.

Forse sai poco del milione di comunisti indonesiani deliberatamente eliminati dalle forze governative indonesiane nei due anni dal 1965 al 1967. E forse meno ancora dei duecentocinquantamila abitanti di Timor Est uccisi tra il 1974 e il 1999 da gruppi paramilitari filo-indonesiani. Potrebbe esserti sfuggito, o più facilmente te ne sarai dimenticato visto che non se ne parla più da tempo e i fatti risalgono alla seconda metà degli anni Settanta, il milione di morti cambogiani sotto il regime dei Khmer rossi di Pol Pot.
Dovresti invece sapere tutto dei sei milioni di ebrei sterminati nei campi di concentramento nazisti, ma potresti aver avuto un professore negazionista che ti ha tenuto all’oscuro di tutto.

Bene. Questo veloce ripasso della storia del Novecento – di cui un diavolo che si rispetti si dovrebbe far vanto – per dirti che nel primo decennio del Duemila (Darfur e Sud Sudan a parte) ci siamo totalmente distratti, e a nostra insaputa si è consumato un delitto di cui non possiamo vantarci. Ce lo segnala Matteo Salvini, nuovo segretario della Lega Nord: «L’euro è un crimine contro l’umanità». Chiedi a Salvini, la prossima volta che lo incontri: se l’euro è un crimine, può per favore farci i nomi dei criminali? Una nuova Norimberga potrebbe tornarci utile.
Tuo affezionatissimo zio Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. marzio scrive:

    Premetto che non sono leghista, quindi non devo difendere nessuno.L’euro non è un crimine contro l’umanità , ma è sicuramente una grande truffa ai danni dei popoli dei Paesi dell’eurozona, con conseguenze drammatiche che viviamo quotidianamente sulla nostra pelle..

    • beppe scrive:

      bravo marzio. berlicche ha buon gioco nel fare dell’ironia. bisogna tener conto che quella frase non è stata scritto in un articolo, ma pronunciata in un discorso fatto a braccio e senza testo scritto. andate a riscoltare il comizio di bossi a roma (1999! ) in cui ha previsto esattamente quel che accade oggi: fine dell’economia e trionfo della finanza, lobbies e massoneria contro i popoli, ateismo contro la famiglia. e poi finirete di fare ironia.

    • Aldo Cannavò scrive:

      La truffa non stà nell’euro ma nella sua cattiva gestione.Le radici della crisi economica italiana nascono almeno quarant’anni fa,per colpa dei vari governi che si sono avvicendati.Naturalmente depista sull’euro chi non vuole assumersene la responsabilità.

  2. ragnar scrive:

    Se ci uccidessero seduta stante, forse forse lo accetterei di buon grado. Invece ci stanno lentamente lasciando morire di fame e di inedia a furia di nuove tasse. E prima questo non succedeva. Ecco perché l’euro è uno dei più subdoli crimini contro l’umanità. Voluto dalla massoneria mondiale per aumentare il potere delle banche.

    • Aldo Cannavò scrive:

      Ragnar, esiste la guerra armata e la guerra economica.Chi ha il dollaro stà combattendo l’euro per non permettere che acquisti la sua egemonia mondiale.Sui due litiganti godono i paesi orientali che presto avranno egemoniche le loro monete.

      • Alcofibras scrive:

        È verissimo: il complotto masso-pluto-pippo-rosybindemberg ci ha messo l’euro in tasca per avvelenarci lentamente e subdolamente!

        Liberatevi dell’euro! Sto organizzando punti di raccolta per le strade e appositi conti correnti per raccogliere tutto questo materiale nocivo per la salute: più euro mi date meglio state!

        Fate girare!

  3. ARMEN scrive:

    temo che paragonare le disgrazie dell’euro per alcune popolazioni si possa paragonare al genocidio armeno,

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana