Google+

Al Qaeda entra in Libia e stringe rapporti con le brigate locali. Parola della Cia

dicembre 3, 2012 Leone Grotti

Secondo la Cia «per Al Qaeda la Libia del dopo Gheddafi è un’opportunità fantastica per espandersi». Al Qaeda insegnerebbe alle bande libiche tecniche di guerriglia, addestrandole, in cambio avrebbe accesso all’arsenale di armi rubate a Gheddafi.

Al Qaeda si stabilisce in Libia. È quanto accertato dalla Cia, secondo cui i leader di Aqmi (Al Qaeda nel Maghreb islamico) stanno stringendo rapporti con la banda armata libica di Ansar al-Sharia. Secondo l’intelligence americana il gruppo estremista islamico ha condotto anche l’attacco al consolato americano di Bengasi dell’11 settembre scorso, dove quattro persone incluso l’ambasciatore Christopher Stevens hanno perso la vita.

AL QAEDA IN LIBIA. La Cia ha dichiarato che i leader di Aqmi viaggiano regolarmente a Ghat, città desertica nel Sud-ovest della Libia, per incontrare le bande armate libiche e trovare un accordo per stabilire una base da cui potere colpire obiettivi occidentali nel paese e nella regione. Al Qaeda insegnerebbe alle bande tecniche di guerriglia, addestrando i loro membri, in cambio avrebbe accesso all’enorme arsenale di armi a disposizione di Ansar al-Sharia, innanzitutto, rubate dai depositi dell’ex rais Muammar Gheddafi. «Per Al Qaeda la Libia del dopo Gheddafi è un’opportunità fantastica per espandersi» dichiara un ufficiale dell’intelligence al Telegraph. «Se riesce ad allearsi con i gruppi islamisti libici diventa molto più potente».

COMANDANO LE BRIGATE, NON LO STATO. In Libia ci sono attualmente circa 1.700 gruppi armati irregolari, la maggior parte dei quali integralisti islamici. Le autorità libiche hanno tentato di scioglierle o di farle confluire nell’esercito, con scarso successo. Se Ansar al-Sharia è stata cacciata da Bengasi, ma non dalla Libia, Al Qaeda sta cercando l’appoggio anche di altre brigate come quella dei Martiri di Abu Salim, dal nome della prigione dove Gheddafi ha fatto incarcerare moltissimi estremisti islamici. La brigata comanda la città di Darna, circa 200 km da Bengasi, sostituendo in tutto lo Stato. Il governo ha anche cercato di rastrellare il maggior numero possibile di armi rimaste in mano dopo la rivoluzione a semplici civili. È stata indetta una colletta di armi, che ha rivelato anche la presenza di un carro armato nelle mani di un cittadino comune, che però ha avuto scarso successo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download