“Moro perché non moro”. Cantare santa Teresa d’Avila

Oggi Avvenire intervista madre Emanuela della Madre di Dio, priora del Monastero delle carmelitane scalze di Milano, il Convento di Santa Teresa di Gesù Bambino. L’occasione è costituita dalla celebrazione dei 500 anni dalla nascita di santa Teresa d’Ávila e di un evento artistico in cui sarà ricordata la figura della cantante Giuni Russo, scomparsa dieci anni fa. Cosa c’entra santa Teresa con la celebre cantautrice pop di Un’estate al mare? C’entra perché a metà degli anni Novanta, racconta madre Emanuela, Giuni «telefonò per avere il testo esatto della poesia “Desiderio del cielo” di santa Teresa, da cui poi venne la canzone Moro perché non moro che volle farci ascoltare». Attratta dalla spiritualità del Carmelo, Giuni divenne una «Carmelitana d’amore» trovando nella fede quel sostegno che aveva sempre cercato e che la diagnosi di un tumore acuì. La priora ricorda quando le telefonò per dirle del suo male, «aggiungendo che, se il Signore le avesse concesso ancora degli anni, li avrebbe spesi al meglio. Altrimenti, fosse fatta la Sua volontà. Fu lucidissima fino alla fine, pur in momenti di enorme dolore fisico». Non è certo un caso che il suo funerale sia stato celebrato proprio nel monastero di Milano.
Ora le carmelitane hanno scelto per festeggiare il cinquecentenario proprio con le sue canzoni. «Volevamo celebrare il Giubileo mondiale della Santa con qualcosa di nostro. E di nostro c’è la Giuni!», dice madre Emanuela.

Di seguito pubblichiamo il testo di Moro perché non moro.

Vivo ma in me non vivo

E’ il bene che dopo morte imploro

Che mi sento morire

Morire perché non moro

E più in me non vivo

Vivo nel tuo immenso amore

Mi vuole mi struggo ogni ora per intenso ardore

Vivo ma in me non vivo

Moro perché non moro

E più in me non vivo

Moro perché non moro

Non mi tradire fortissimo amore che imploro

Moro perché non moro

Vivo ma in me non vivo

Moro perché non moro

Quanto è mai lunga all’esule

Quest’affannosa vita

Quanto mai duri i vincoli

Che m’hanno ormai sfinita

Per quello che ho nell’anima

Che posso fare, o vita

Se non te stessa perdere

E andare in lui smarrita

Vivo ma in me non vivo

Moro perché non moro

E più in me non vivo

Moro perché non moro

Non mi tradire fortissimo amore che imploro

Moro perché non moro

Vivo ma in me non vivo

Moro perché non moro

E più in me non vivo

Moro

No me traiciones fuertìsimo amor que imploro

Que me siento morir

Morir porque no muero

Por lo que el alma Qué puedo hacer o vida

Si no a ti misma perder Y andar en él perdida

E più in me non vivo

Moro

Y andar en él perdida

Muero porque no muero

Si no a ti misma perder

Y andar en él perdida

Y andar en él perdida

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •