Il canestro di Lauren Hill

Si chiama Lauren Hill, ha 18 anni e ha un tumore al cervello. I medici le hanno già spiegato che il suo male è inoperabile e che, quasi sicuramente, non vivrà oltre questo Natale. Lauren ha sempre amato giocare a basket e il suo sogno era iniziare la stagione con la squadra del St. Joseph, il college frequentato in Ohio. Ma la prima partita era a metà novembre, così, per darle almeno la possbilità di giocarne una, la lega basket americana ha concesso di anticipare la gara. Solitamente, a questi tipi di match non accorrono più di un centinaio di spettatori, ma per salutare Lauren si sono recati al palazzetto ben diecimila persone. Nel video sono mostrati i primi istanti della partita e il canestro di Lauren e il successivo boato e la standing ovation del pubblico. Durante l’intervallo, la ragazza ha pronunciato un breve discorso, ringraziando i presenti: «È incredibile che la mia vicenda abbia coinvolto emotivamente tante persone. Prima che il mio caso diventasse noto, non molti sapevano che cosa fosse la Dipg (il male che la affligge, ndr). Ora che lo sanno, possiamo cercare di sviluppare la ricerca per trovare una cura. Io non ci sarò più per beneficiarne, ma si potranno aiutare tanti altri ammalati come me. Per questo il vostro aiuto non dovrà finire con il termine di questa partita». Lauren è stata in panchina per il resto della partita, per entrare solo negli ultimi minuti quando, grazie a un tiro allo scadere, ha fissato il definitivo punteggio della vittoria della sua squadra: 66 a 55. «Il primo canestro – ha spiegato la giovane – mi ha reso davvero felice, perché l’ho realizzato al primo tentativo. Ma il secondo è stato ancora più dolce, perché l’ho fatto con la mano destra quella in cui ho ormai perso forza».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •