Vademecum del califfato per le donne: sposatevi «a nove anni», vivete «velate e nascoste»

Lo dice un prontuario pubblicato dalla brigata femminile al-Khansa, incaricata di far rispettare la morale nelle strade di Raqqa, capitale siriana del Califfato

siria-raqqa-francia-stato-islamico-donneLe donne devono avere uno stile di vita «sedentario», sposarsi già «a nove anni», rimanere «nascoste e velate» per la maggior parte della vita o andare a combattere il jihad in caso di eccezionale «chiamata». Questa è la vita ideale per le donne secondo lo Stato islamico, secondo un prontuario pubblicato dalla brigata femminile al-Khansa, incaricata di far rispettare la morale nelle strade di Raqqa, capitale siriana del Califfato.

SPOSARSI A NOVE ANNI. Il manifesto è stato pubblicato il mese scorso in arabo e tradotto in inglese pochi giorni fa dal think tank Quilliam. Le donne devono vivere in base alla «sharia», secondo «lo stile di vita ordinato da Allah». A nove anni già ci può sposare e comunque non più tardi dei «16 o 17 anni», quando si è ancora «giovani e attive». L’educazione è considerata importante: dai sette ai 15 anni le ragazze devono studiare Corano, cucina e cucito.

SALONI DI BELLEZZA SATANICI. Studiare oltre non è consigliato né desiderabile. A meno che non servano medici, insegnanti o jihadisti perché «non ci sono abbastanza uomini». Tutto ciò che è occidentale, e che dall’Occidente è stato ripreso anche dai regimi arabi traditori, è male e va bandito. I saloni di bellezza, ad esempio, sono strumenti del demonio. Il velo integrale ovviamente è obbligatorio, essendo uno strumento di «liberazione» e prevenendo «l’umiliazione» delle donne.