Usa. Il Vermont autorizza l’aborto in ogni momento e per qualsiasi motivo

Lo Stato americano autorizza la legge sull’aborto «senza limiti» più radicale di sempre, definendolo addirittura «un diritto fondamentale»

Manca solo la firma del governatore Phil Scott e poi la legge sull’aborto più radicale di sempre sarà approvata nello stato americano del Vermont. Il H. 57 riconosce infatti «come un diritto umano fondamentale la libertà di scelta riproduttiva e proibisce gli enti pubblici dall’interferire con o restringere il diritto di un individuo di terminare la gravidanza». Insomma, l’aborto sarà «senza limiti».

NASCE IL «DIRITTO ALL’ABORTO»

La legge è passata alla Camera con 106 voti contro 37 e al Senato con 24 contro 6. Ma i parlamentari del Vermont non si sono limitati a questo: il 7 maggio hanno infatti avanzato la Proposta 5 che inserirà il «diritto all’aborto» nella Costituzione dello Stato. L’emendamento dovrà essere approvato di nuovo nel 2021 e poi votato dai cittadini nel novembre 2022.

Come raccontato da tempi.it, l’interruzione di gravidanza non era mai stata così tanto dibattuta negli Stati Uniti come negli ultimi anni: l’aborto tardivo, da poco approvato anche a New York, è legale in sette Stati; in 20 è possibile interrompere una gravidanza dopo la 21esima settimana, mentre 17 vietano l’aborto dopo 22 settimane di gestazione. All’inverso, nei primi sei mesi del 2019, sono state promulgate 21 leggi restrittive.

È LECITO SEMPRE E PER QUALSIASI MOTIVO

La legge del Vermont arriva dunque in un momento in cui sempre più americani si chiedono se sia davvero lecito, e in caso affermativo a quali condizioni, uccidere i bambini nel grembo delle madri. Il secondo stato più piccolo dell’Unione ha risposto in modo affermativo alla prima e in modo perentorio alla seconda: è sempre lecito, in ogni momento e per qualsiasi ragione.

Esulta il colosso abortivo Planned Parenthood, prevedendo un’impennata degli affari nelle sue tante cliniche: «I legislatori del Vermont hanno fatto la storia dichiarando che i diritti riproduttivi sono diritti umani. A loro va il nostro applauso».

«LE DONNE SCELGANO LA VITA»

Desolato il vescovo di Burlington, monsignor Christopher Coyne, che alla Catholic News Agency ha dichiarato:

«Sono amareggiato dalla decisione del legislatore di far proseguire il H. 57, nonostante ci fossero state forti, autentiche e puntuali testimonianze in opposizione a questa legge. A prescindere da ciò che la legge permette, spero che le donne si sentiranno sicure e sostenute nel portare avanti le loro gravidanze e maternità, scegliendo la vita per i loro bambini in qualunque circostanza. La fede cattolica insegna che ogni vita umana è sacra dal momento del concepimento fino alla morte naturale e che siamo chiamati a proteggere e abbracciare il dono sacro della vita».

Foto Ansa