Unioni civili, Gandolfini: legge va in aula senza mai essere stata dibattuta

La protesta del presidente del Comitato Difendiamo i Nostri Figli promotore dei due Family day: «Mattarella ne tenga conto»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«L’esame del testo sulle Unioni Civili si è rivelato una farsa anche in Commissione Giustizia alla Camera, dove il Partito democratico ha negato ogni reale possibilità di confronto. A quanto sia apprende il ddl approderà in aula a metà maggio e il governo sarebbe intenzionato a porre la questione di fiducia anche a Montecitorio per impedire definitivamente ogni possibilità di confronto democratico». Così il presidente del Comitato Difendiamo i Nostri Figli promotore dei due Family day di giugno e gennaio scorsi.

«C’è il rischio sempre più concreto quindi che si arrivi al varo definitivo di questa legge, che è in grado di cambiare la stessa antropologia umana, attraverso la violazione di tutte le prerogative del dibattito parlamentare. A maggior ragione – ha detto ancora Gandolfini – si richiede con forza un’attenta valutazione delle palesi violazioni delle procedure parlamentari e dei profili di incostituzionalità del testo da parte del Presidente della Repubblica e della Corte Costituzionale».

«Faccio appello inoltre alla coscienza di tutti quei deputati e quelle deputate che chiedono con forza moratorie internazionali contro la barbara pratica dell’utero in affitto ma allo stesso tempo si dicono pronti a votare una legge che, senza le dovute modifiche, apre di fatto la strada alla legittimazione delle programmazione consapevole di bambini orfani di padre o di madre». Conclude il presidente del Comitato promotore del Family day.

Foto Ansa


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •