Un premio in denaro per chi denuncia un corrotto

Purtroppo con lo sgonfiarsi di Tangentopoli in Italia è venuta meno la tradizione di denunciare i funzionari corrotti.

Purtroppo con lo sgonfiarsi di Tangentopoli in Italia è venuta meno la tradizione di denunciare i funzionari corrotti. Ma ecco che, per invertire questa triste tendenza, la commissione per la prevenzione della corruzione del ministero della Pubblica amministrazione ha avanzato una bella idea per una legge: «A chiunque segnala all’Autorità giudiziaria e alla Corte dei conti condotte illecite che cagionano danno erariale o all’immagine della pubblica amministrazione, spetta un premio in denaro non inferiore al 15 e non superiore al 30 per cento della somma recuperata».

ECCONE UNO Ora che mi ci fa pensare, signor magistrato, il mio vicino di casa, quel ciccione invadente col platano che cresce metà nel mio giardino e me lo riempie di foglie marce, quello col cane che scacazza come un leone e ammorba l’aria di mezzo quartiere, quello che si scappera a cielo aperto e scaglia la merce nel mio cortile. Ecco, quello lì, il lercione, mi pare che l’altro giorno, mentre mi affumicava la casa col barbecue, prendeva una stecca via l’altra. Non ne sono ancora sicuro al cento per cento. Ma intanto non è che si può mandargli a casa Equitalia?