Trivelle. Chi vota “no” al referendum fa un favore ai “sì”

Il presidente della Corte Costituzionale dice che si “deve” votare il 17 aprile. E perché mai? Quattro motivi per astenersi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Con una dichiarazione un po’ inconsueta il presidente della Corte Costituzionale Paolo Grossi ha invitato ad andare a votare il 17 aprile in occasione del referendum sulle trivelle. Secondo Grossi «si deve votare. Ogni cittadino è libero di farlo nel modo che ritiene giusto. Ma credo si debba partecipare al voto, significa essere pienamente cittadini, fa parte della carta di identità del buon cittadino».

Ci sia permesso di dissentire dalle parole del presidente Grossi. Per una serie di motivi:

1. Non si tratta di un voto alle elezioni politiche, ma di un referendum abrogativo. E i referendum prevedono il quorum
Come ha spiegato ieri sul Messaggero il filosofo Biagio de Giovanni «non è un caso che l’art. 48 della Costituzione, in un titolo dedicato ai “Rapporti politici”, definendo il diritto di voto, lo qualifichi un “dovere civico”, espressione che non viene ripetuta all’art. 75, dove si parla del voto in seguito alla convocazione di un referendum popolare». Essendo il referendum uno strumento specifico, i padri costituenti previdero per esso il raggiungimento di una soglia. Il fatto che ci sia, dunque, non è casuale ma è una delle variabili che devono essere tenute in conto nell’esercizio del voto. Spetta a chi ha indetto la consultazione dimostrare che la sua opinione raccoglie la maggioranza dei consensi degli italiani, non a chi non è d’accordo.

2. L’astensione è una scelta consapevole
Tempi ha già spiegato cosa c’è in ballo e non staremo a ripeterci. A differenza di Beppe Grillo – che ha invitato a «votare sì anche se non si capisce. Bisogna votare sì e basta» – noi pensiamo l’esatto opposto: proprio perché cerchiamo di capire di cosa si tratti, siamo convinti che sia meglio astenersi. Non siamo allocchi: sappiamo bene che ogni nostro “no” conterebbe, nei fatti, come un “sì”.
Lo ha scritto ieri sul Quotidiano nazionale il costituzionalista Stefano Ceccanti: «In linea di principio preferisco votare. Nel caso in specie, in prima istanza, sarei stato favorevole al No, a una battaglia franca contro un quesito piuttosto debole negli effetti diretti e pericoloso per la cultura demagogica. (…) Mi trovo però di fronte al fatto che la gran parte dei sostenitori potenziali del No ha scelto l’astensione. Un fatto di grande rilievo perché a questo punto se decido di votare No aiuto i sostenitori del Sì a fare il quorum e poi a battermi. Siccome reputo che il male maggiore, soprattutto per gli effetti indiretti, sia che il quorum passi, sono a questo punto spinto ad aggiungermi all’astensione».

3. Referendum metodo sbagliato
Va anche notato che, per la prima volta, il referendum è stato indetto su richiesta delle Regioni, non in seguito alla raccolta di firme da parte dei cittadini. Non si tratta, dunque, di una consultazione figlia di un’iniziativa popolare, ma di una battaglia tra Stato e Regioni. Utilizzare il referendum (che è, per sua natura, uno strumento “manicheo”: o sì o no) per dirimere questioni complesse come le competenze e i poteri fra i vari organi di Stato, ci pare un errore. In più, il fatto che il quesito sia stato caricato di significati eterodossi (l’inquinamento petrolifero, le perforazioni delle trivelle, le energie rinnovabili…) rispetto al merito della questione (le durata delle concessioni delle piattaforme) ci fa sorgere il fondato dubbio che ci facciano votare su “qualcosa” per ottenere “qualcos’altro”. Quand’anche fossimo d’accordo nel porre un limite alle concessioni, non ci piace che, col nostro concorso, Regioni e ambientalisti raggiungano obiettivi diversi da quelli previsti nel quesito.

4. Emiliano, che vuoi da noi?
È ormai lampante che il campione dei No Triv, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, stia conducendo questa battaglia con l’unico scopo di presentarsi come l’anti-Renzi. Non abbiamo preferenze tra lui e il presidente del Consiglio, ma non capiamo perché, oltre a dover spendere milioni di euro per far svolgere il referendum, ora dovremmo pure tenere bordone alle sue ambizioni politiche. Vuole fare le scarpe a Renzi? Si accomodi: scali il Pd, lo sfidi al congresso, fondi un nuovo partito. Ma senza i nostri voti al referendum.

Foto Ansa


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •