Google+

Torino, il Comune non dà quanto dovuto alle scuole paritarie. Genitori ed insegnanti in piazza

marzo 18, 2013 Redazione

Nonostante le promesse di Fassino, i pagamenti dei contributi previsti dalla convenzione (oltre 1 milione e 700 mila euro) sono in notevole ritardo.

Oggi a Torino genitori e insegnanti delle scuole dell’infanzia paritarie si ritroveranno alle ore 18.00 in Piazza Palazzo di Città per sollecitare il Comune di Torino a mantenere gli impegni presi. Il Comune, infatti, non ha ancora versato alle scuole il 50 per cento del contributo 2012 che per convenzione avrebbe dovuto versare entro settembre dell’anno scorso. Così, 55 scuole convenzionate alla rete Fism, hanno deciso di farsi ascoltare dal sindaco e consegnargli le oltre 5 mila firme raccolta in segno di protesta. Alla manifestazione parteciperà anche la scuola della Comunità ebraica di Torino che aderisce alla stessa convenzione delle scuole Fism.

Una delegazione sarà audita da un rappresentante della Giunta e Silvio Magliano (Pdl) presenterà una mozione urgente che impegna il Comune a versare quanto dovuto, oltre 1 milione e 700 mila euro. Si parla si scuole frequentate da circa 6.000 bambini. Se dovessero chiudere, come farebbe il Comune a inserirli in quelle municipali?

Il presidente della Fism, Redi Sante Di Pol, ha dichiarato: «Nonostante le promesse fatteci personalmente dal sindaco Fassino nel mese di novembre e nonostante il rientro del Comune di Torino nel patto di stabilità e l’incasso, assai ingente, dell’Imu, a tutt’oggi le scuole attendono dal Comune di Torino poco più di un milione e mezzo di euro e quindi sono in estrema difficoltà anche per lo stesso pagamento degli stipendi alle insegnanti. Il contributo del Comune serve per mantenere basse le rette a carico delle famiglie e le nostre scuole non vorrebbero dover aumentare le rette per far fronte ai costi di gestione. Abbiamo pazientato fino ad oggi, ma ora abbiamo deciso di protestare  pubblicamente».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.