Google+

Sentenza Cassazione sul kirpan. «Servirebbe una legge speciale per i sikh»

maggio 16, 2017 Francesca Parodi

Il caso dell’indiano multato perché portava con sé il pugnale rituale. Intervista a Massimo Introvigne su un “caso limite”

kirpan

La Corte di Cassazione ha imposto a un uomo di religione sikh un’ammenda di 2.000 euro perché «portava fuori dalla propria abitazione, senza un giustificato motivo, un coltello della lunghezza complessiva di 18,5 centimetri idoneo all’offesa per le sue caratteristiche». Il coltello in questione è il kirpan, uno dei cinque simboli di questa religione monoteista nata in India nel XV secolo. L’uomo coinvolto è un indiano di Mantova che, dopo essere stato condannato dal Tribunale della città, ha fatto ricorso in Cassazione sostenendo che la lama, come il turbante, «era un simbolo della religione e portarlo costituiva adempimento del dovere religioso». La Corte però ha respinto il suo argomento decretando che «è essenziale l’obbligo per l’immigrato di conformare i propri valori a quelli del mondo occidentale». La sentenza inoltre recita: «La decisione di stabilirsi in una società in cui è noto, e si ha consapevolezza, che i valori di riferimento sono diversi da quelli di provenienza ne impone il rispetto e non è tollerabile che l’attaccamento ai propri valori, seppure leciti secondo le leggi vigenti nel paese di provenienza, porti alla violazione cosciente di quelli della società ospitante».

LIBERTÀ E SICUREZZA. «Il grande dilemma, sorto anche in altri casi e in altri paesi, è se debba prevalere l’interesse pubblico oppure la libertà religiosa dei singoli» commenta a tempi.it Massimo Introvigne, fondatore e direttore del Centro studi sulle nuove religioni. «Alcuni paesi hanno risolto il problema modificando la legge. L’Inghilterra, per esempio, dove è presente un’ampia comunità di sikh, ha una legge speciale che autorizza questi credenti a portare il pugnale rituale. Negli Stati Uniti e in Canada sono state emesse delle sentenze che fanno prevalere il principio della libertà religiosa sull’ordine pubblico e la sicurezza. Nell’Europa continentale invece c’è una giurisprudenza costante che dà la precedenza all’interesse dello Stato».

60.000 FEDELI. L’Italia, spiega Introvigne, ospita la seconda comunità sikh più grande d’Europa, dopo il Regno Unito: «Secondo alcune stime, sono circa 60.000 i fedeli nel nostro paese. Abbiamo avuto una forte ondata immigratoria di sikh dovuta soprattutto al loro impiego nell’agricoltura, in cui si sono mostrati molto abili ed efficienti. Alcuni imprenditori mi raccontano per esempio che un agricoltore sikh munge sei mucche nello stesso lasso di tempo in cui un italiano ne munge una». Abitano soprattutto nelle città della pianura padana, infatti «i tre templi principali al di fuori dell’India si trovano a Novellara (inaugurato dallo stesso Romano Prodi, all’epoca presidente della Commissione europea), nel Cremonese e nel Bresciano». Davanti a questi numeri, sostiene Introvigne, lo Stato deve quindi porsi il problema di come gestire, anche a livello di normative, questa integrazione.

CASO LIMITE. Introvigne rileva inoltre che «in 28 milioni di sikh nel mondo, sono pochissimi i casi in cui un fedele abbia usato il proprio coltello in maniera offensiva. Il portarlo appeso alla cintura ha solo un significato rituale». Personalmente, Introvigne è convinto che «tra il diritto alla vita e il diritto alla libertà religiosa deve sempre prevalere il primo. Ma per quanto queso caso sia al limite, credo che la soluzione sia adottare delle leggi ad hoc che tutelino questa minoranza religiosa. Come abbiamo fatto delle leggi speciali per i musulmani che consentono la macellazione halal (da noi illecita perché va contro le nostre norme igieniche e le nostre pratiche a tutela degli animali), allo stesso modo si potrebbe pensare a nuove leggi per i sikh».

Foto Wikipedia

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.