Google+

Quarto. Nel M5S ci si deve dimettere se lo dicono quei due

gennaio 12, 2016 Emanuele Boffi

Il caso del sindaco del comune campano, Rosa Capuozzo, nemmeno indagata, manda in cortocircuito i grillini.

Anticipiamo un articolo tratto dal numero di Tempi in edicola dal 14 gennaio (vai alla pagina degli abbonamenti) – Prima delle feste Luigi Di Maio diceva: «Non sono a favore della presunzione d’innocenza per i politici. Se uno è indagato, deve lasciare, lo chiedono gli elettori». Passate le feste è scoppiato il caso Quarto, il Comune campano al centro di una presunta vicenda di infiltrazioni camorristiche, dove il primo cittadino, Rosa Capuozzo, è del Movimento Cinque Stelle.

E qui è iniziato il cortocircuito perché, per la prima volta, i grillini si sono trovati dalla parte sbagliata della storia. Così hanno organizzato flash mob sulla legalità, hanno scritto un migliaio di volte «i voti della camorra fanno schifo», si sono insultati fra di loro su internet finché hanno prodotto il documento politico più ridicolo che si ricordi a memoria d’uomo.

Il 10 gennaio sul blog di Grillo è apparso un post a firma M5S nel quale, prima, ci si vanta perché Capuozzo non si è piegata alla Camorra, anzi nella vicenda è «parte lesa», e poi, una riga dopo, si chiedono le sue dimissioni. «La strada dell’onestà ha un prezzo», scrivono i grillini. Ma qui l’unico prezzo lo paga non diremo il garantismo – scrupolo sconosciuto tra i pentastellati – ma l’intelligenza. Perché un sindaco non indagato, anzi difeso dal suo partito, si deve dimettere? Perché Roberto Saviano ha invitato i grillini a non avere fra di loro alcuna «blackstar»? O perché il pm Henry John Woodcock conduce le indagini?

Ora che è arrivata anche la sentenza definitiva con la decisione di espellere il sindaco, Di Maio può aggiornare i suoi pensieri: «Non sono a favore della presunzione d’innocenza per i politici. Anche se uno non è indagato, deve lasciare, se lo dicono quei due».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. giovanna says:

    DFTT
    (antonio-trollona )

    • Menelik says:

      La stessa squilibrata nel post sopra dell’isis che fingete di essere Cristiani.
      Lì si è firmata Anton.

      • giovanna says:

        E anche “Ante ” , caro Menelik !
        Nella fenomenologia della trollona, mi sfugge perché , quando usa i nick trucidi, usa sempre 3 nick simili ogni volta !
        Così, forse, pensa di evitare la censura, ma perché sempre tre ?
        Mah !
        Machissenefrega , in fondo !

        • SUSANNA ROLLI says:

          Forse quattro son troppi da gestire…

          • giovanna says:

            No, non è per quello, Susanna, dato che ne gestisce decine in contemporanea !
            Ma anton-ante-antonio o gelsomina-gelso-gelsoni e anche altri nick “trucidi-insultanti ” parimenti, li mette in trio.
            Misteri della psycho-trollona.

  2. Sgarrubba says:

    questa impostazione era visibile fin da prima di qs episodio di cronaca. si vede ad occhio nudo il paradosso di esponenti politici sconosciuti e senza volto, cioè totalmente sacrificabili, gestiti da due burattinai intoccabili

    • piervise says:

      Concordo con Sgarrubba, quello che rimane è la facilità con la quale si scarica una persona sostenuta cinque minuti prima, non c’è nessun tentativo di comprendere meglio la vicenda e meglio accertare le effettive responsabilità.
      Lodare che non si sia piegata a pressioni mafiose è poi invitarla a dimettersi è un assoluto corto circuito.
      Questo vuol dire che le persone valgono zero quello che conta è solo l’idea o meglio l’ideologia.

  3. Giannino Stoppani says:

    Dalla storia non si vuole imparare.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.