Parisi avrà un ruolo in Forza Italia. In vista della fondazione di un nuovo partito

Secondo il Corriere della Sera, ieri l’ex candidato sindaco di Milano ha accettato la proposta che Silvio Berlusconi gli ha fatto a cena ad Arcore

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stefano Parisi è il nuovo coordinatore/organizzatore di Forza Italia. Così è stato concordato ieri, riporta il Corriere della Sera, durante una cena ad Arcore tra Silvio Berlusconi e l’ex candidato sindaco di Milano, alla quale hanno partecipato anche Marina Berlusconi e Valentino Valentini. L’obiettivo è traghettare il partito fino al congresso di fine anno per poi far nascere un nuovo soggetto politico per riunire il centrodestra.

PARISI ACCETTA. Pur nutrendo molti dubbi sull’utilità di assumere un vero ruolo all’interno del partito per riuscire poi a federare il centrodestra, dopo 75 minuti di cena, continua il quotidiano di via Solferino, Parisi ha accettato. Non sono pochi, però, i politici di Fi che sembrano mal digerire la predilezione di Berlusconi per lui. Uno su tutti, il capogruppo del partito al Senato Paolo Romani, ieri ha dichiarato: «I leader non nascono sotto i cavoli».

L’INTERVISTA. Con un’intervista alla Stampa del 21 luglio, Parisi si era candidato a «rigenerare il centrodestra con un programma politico liberale e popolare, alternativo al centrosinistra e concorrente con i Cinquestelle». L’appuntamento è per settembre, quando verrà organizzata a Milano una grande «convention programmatica» per «raccogliere idee e proposte» per un nuovo centrodestra.

«DECIDE BERLUSCONI». Secondo Ignazio La Russa (Fratelli d’Italia), l’ex candidato sindaco «ha legittimamente il diritto di candidarsi all’interno del suo partito a tutti i ruoli che desidera. Spetta ai dirigenti di Forza Italia e a Berlusconi, che rimane l’unico vero leader di quel partito, decidere cosa fare».

Foto Ansa

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •