Google+

Milano tra primati e sostenibilità ambientale

ottobre 24, 2017 Mariarosaria Marchesano

Al primo posto nella classifica delle smart city italiane. Ma il capoluogo lombardo soffoca di inquinamento e il sindaco Sala si augura un rallentamento dei ritmi

milano-piazza-duomo-shutterstock_291818504

Milano si conferma per il quarto anno consecutivo la città più ‘smart’ d’Italia, secondo la classifica di CityRate che mette a confronto 106 capoluoghi di provincia in base a tutta una serie di indicatori. Ma è anche uno dei luoghi più inquinati del paese al punto che il sindaco Beppe Sala si augura un rallentamento del ritmo frenetico che la contraddistingue. Sono le due facce della medaglia del capoluogo lombardo diviso tra modello di efficienza e desiderio di una migliore qualità della vita in una fase in cui il referendum per l’autonomia regionale è fallito anche se il tema è lontano dall’essere archiviato. In un’intervista rilasciata martedì al Corriere della Sera, Sala ha annunciato che spingerà il più possibile su mezzi elettrici, bici e car sharing per contenere i livelli dello smog e ha bollato come un ‘errore’ quello di tenere aperti i negozi anche di notte. Insomma, il primo cittadino di Milano promuove la difesa dell’ambiente come priorità della sua amministrazione che intende “ripensare i tempi della città”. C’è da domandarsi come questa “rivoluzione del rallentamento”, come lui stesso l’ha definita, si possa conciliare con una Milano altamente produttiva che coltiva l’ambizione di diventare capitale europea della finanza nonché polo d’attrazione di nuovi investimenti dall’estero. Una sfida su cui si giocheranno i programmi e la credibilità delle amministrazioni comunali dei prossimi anni.

Intanto, la classifica italiana delle smart city vede di nuovo il capoluogo lombardo al primo posto, e a netta distanza dalla maggior parte delle altre città, in termini di crescita economica, mobilità sostenibile, ricerca e innovazione e trasformazione digitale. La città conquista un ottimo posizionamento anche per innovazione sociale, sviluppo urbano e amministrazione condivisa. Sul podio salgono anche Bologna, al secondo posto, e Firenze al terzo. Seguono poi Venezia, Trento, Bergamo, Torino, Ravenna, Parma e Modena a completare la “top ten” delle metropoli più smart della penisola.

Scendendo nei dettagli della ricerca, si vede che Milano è al primo posto nel 20% degli indicatori utilizzati per redigere la classifica con numeri che la rendono più simile a una metropoli del nord Europa che dell’Italia. Qualche esempio? Il capoluogo lombardo è al primo posto per produttività, con 46.227 euro di valore aggiunto pro-capite contro una media italiana che è pari a 22.751 euro, cioè meno della metà. In termini di imprenditorialità, poi, la città conta 12,9 imprese attive per 100 abitanti contro 8,9 di media nazionale e in questo caso la distanza non è così vistosa, anche se il dato suggerirebbe, considerato il già citato livello di produttività, che quelle sul territorio milanese siano aziende di dimensione maggiore rispetto alle altre provincie esaminate. Le distanze di Milano con il resto del paese si allargano sul fronte della diffusione della banda ultra larga, con 9,5% abbonamenti sulla popolazione residente e una media nazionale di gran lunga inferiore (1,4%). E diventano un abisso se si considera la diffusione del coworking, con il 22,5% del totale dei servizi offerti a fronte di una media che è dello 0,8%. Anche l’home banking risulta molto più diffuso con 70,8% di clienti ogni 100 residenti (42,7% di media). E rilevanti sono i risultati sul fronte del trasporto locale, con un’offerta che vede 16.218 posti al chilometro per abitante e una media italiana di 2.391. La diffusione del bike sharing, infine, non ha eguali con 3,5 biciclette disponibili ogni 1000 abitanti (media 0,5).

Tutti questi indicatori sembrano davvero consacrare diversi primati per la città di Milano, ma la stessa ricerca suggerisce che resta ancora molto lavoro da fare soprattutto in ambito ambientale – come il consumo di suolo (in questo caso il capoluogo lombardo è 97°posto in Italia), per la qualità dell’aria (98° posizione) e sul fronte della legalità e sicurezza (83° posto). E sono questi ultimi posizionamenti, soprattutto quelli riguardo ad ambiente e sviluppo urbano, a preoccupare Sala che sembra disposto a innescare un’inversione di tendenza sacrificando un po’ di efficienza a vantaggio della qualità della vita e della salute.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.