Meglio il parroco di Renzi. Ecco il “Bonus bebè” di duemila euro di don Stefano

Per dare un aiuto concreto alle famiglie numerose, un sacerdote di Staggia (Si) ha deciso di stanziare una somma per «le famiglie che con coraggio accettano il dono di un figlio!»

neonati-h

L’hanno già ribattezzato il “bonus prete” e si tratta del contributo di duemila euro che don Stefano Bimbi, giovane e intraprendente parroco di Staggia, piccola frazione di Poggibonsi (Si), ha deciso di elargire alle coppie che mettono al mondo il terzo figlio.

Come si legge sul sito parrocchiale, il bonus è riservato «alle coppie di cittadinanza italiana, regolarmente sposate in chiesa e residenti a Staggia, dal terzo figlio (in poi), sarà dato il giorno del battesimo un assegno da € 2.000». Un modo per «dare un aiuto concreto in questo momento di crisi alle famiglie che con coraggio accettano il dono di un figlio!». «Come sapete – si legge ancora -, la nostra parrocchia non ha risorse se non le offerte che liberamente le donano i fedeli. Il bilancio della parrocchia non è rose e fiori, ma ciononostante il Consiglio per gli Affari Economici ha deciso all’unanimità di stanziare una somma destinata appunto a dare un aiuto alle famiglie numerose (fino esaurimento fondi stanziati in bilancio)».

Dall’inizio dell’anno a oggi sono quattro i bambini nati cui è andato il contributo. Don Stefano ha spiegato che «se le possibilità economiche ce lo consentiranno, in futuro estenderemo il contributo anche alle famiglie straniere. Me lo auguro vivamente. Al momento siamo partiti dagli italiani, non possiamo fare di più».