Google+

Leadership mondiali in caduta, politici intercambiabili, disumanità in arrivo

settembre 10, 2017 Alessandro Giuli

I populisti apocalittici (Salvini e Di Maio) inseguono parole d’ordine care all’establishment; il populista integrato (Renzi) scivola dalla rottamazione alla manutenzione

luigi-di-maio-beppe-grillo-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – È lunedì mattina, giornata di chiusura del settimanale. Mentre scrivo l’editoriale mi domando se non dovremmo, da qui a giovedì (giorno d’uscita settimanale di Tempi), preoccuparci di scovare il più vicino rifugio antiatomico; sempre se ne esistano ancora, sempre se la Corea di Ciccio Kim e gli Stati Uniti di Ciccio Trump stiano facendo sul serio con le loro schermaglie di guerra nucleare, con le loro scazzottate all’idrogeno dalle conseguenze imprevedibili. Pensiero ozioso, dettato dalla confusione delle leadership mondiali.

Sono appena stato in televisione, sempre con il nostro caro giornaluzzo nel sottopancia, a disquisire sulla sopraggiunta normalizzazione ideologica inscenata da Matteo Salvini e Luigi Di Maio nell’ex santuario di Cernobbio, là dove un tempo c’era l’erba rorida dei poteri forti e oggi non resta che una città esangue svuotata di quattrini e idee guida. Il leader leghista e il capoclasse grillino indossavano il vestito buono della domenica paesana, espettorando parole in linea col dì di festa degli ultimi arrivati nella pancia del neo moderatismo: piano con la fuga dall’euro, diamo un’altra possibilità all’Europa, vogliamo un’Italia “smart nation” e così via lungo il sentiero oleoso del riposizionamento. Nulla di scandaloso, molto di proto-renziano, e dunque paleoberlusconiano, sin nel linguaggio americanomorfo. E proprio mentre Renzi – cattivo carattere ma furbizia inarrivabile – da tutt’altra latitudine si accaparrava la nuova narrazione della “forza tranquilla” di mitterrandiana memoria oggi resuscitata dal mite premier Gentiloni e dal romantico sbirro Minniti, fresco di conversione allo ius soli, pronubo naturalmente il presidente Mattarella. Strana inversione di ruoli: i populisti apocalittici (Salvini e Di Maio) inseguono parole d’ordine care all’establishment, senza molto convincerlo peraltro; il populista integrato (Renzi) scivola dalla rottamazione alla manutenzione. E intanto su di loro svetta l’occhio acuto del sovrano di Arcore, quel Silvio Berlusconi che si prepara a vendemmiare voti con Meloni e Salvini (dalla Sicilia in su) per poi ubriacarsi con i sopravvissuti del renzismo alla mensa del governissimo in allestimento per l’anno prossimo. Pensieri confusi, forse, ma meno oziosi di quanto possa apparire. E occhio al pragmatismo dei sovranisti: come si noterà leggendo l’intervista a Giancarlo Giorgetti pubblicata nelle pagine che seguono, Salvini non è intenzionato a disertare il tavolo negoziale per un possibile accordo di sistema post elettorale; e anche Meloni sarà al centro della partita al grido di “mai con Renzi ma poi chissà”.

chiesa-tempi-copertinaPer ultimo, ma non da ultimo, c’è il senso di una copertina che una volta ancora sfida la duttilità intellettuale del nostro lettore tradizionale. Et pour cause. La chiesa sul limitare dell’abisso non sarà forse la Chiesa in quanto tale, ma i suoi credenti in caduta libera verso il martirio planetario, l’estinzione, l’oblio o la psicanalisi, sono comunque i muti testimoni di un percorso che conduce alla «confusione nel caos invece della fusione nell’Unità principiale», tanto per rianimare una definizione del reazionario René Guénon (Il regno della quantità e i segni dei tempi, in Italia tradotto da Adelphi). Immaginare un mondo post-atomico, post-politico e post-religioso è un esercizio ascetico al quale abbiamo già dedicato qualche sparsa fatica, qui a Tempi. Ripetersi giova, fintantoché saranno alcuni uomini a farlo e non qualche forma d’intelligenza artificiale in loro vece. Perché presto faremo i conti con loro, le macchine pensanti e agenti, e con la spettacolare transizione dall’homo faber all’homo inutilis.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.