Google+

La svista filosofica di Hawking. Eppure anche gli atei possono ammettere Dio

marzo 15, 2018 Redazione

Se Dio è un mago, può essere sostituito dal Big Bang. Ma se Dio è padre, dobbiamo farci qualche domanda

Oggi sul Foglio è stata pubblicata un’interessante intervista a Marco Bersanelli, docente di Astronomia e Astrofisica all’Università Statale di Milano. Lo spunto della conversazione è la morte di Stephen Hawking, il celebre astrofisico morto ieri. «Era un uomo colpito e interrogato dalle domande ultime – dice Bersanelli – forse pure tormentato da queste».

LA SVISTA. Hawking, come si può leggere in più o meno tutti i ritratti che appaiono oggi sui grandi quotidiani, era considerato un alfiere della “non esistenza di Dio”, laico a tutto tondo con pungenti affermazioni scientiste e battute sulla non razionalità della fede. Tuttavia, Bersanelli propone un’altra chiave di lettura: «Hawking nel corso degli anni ha variato la sua posizione in merito all’esistenza di Dio, ma le domande ultime le ha sentite eccome, almeno a giudicare da quanto frequentemente si sia fatto coinvolgere da questa sfida. (…) Il suo sguardo tendeva di continuo all’origine delle istanze decisive e in ciò colgo la dimensione inevitabilmente religiosa che c’è nel motore della sua ricerca».
A proposito delle sue posizioni anti-religiose, Bersanelli nota come «in Hawking come in altri scienziati, questa contrapposizione tra Dio, l’esistenza di Dio, il mistero ultimo da una parte e la lettura scientifica del mondo deriva da una svista filosofica. Cioè deriva sostanzialmente dall’aver ridotto Dio a una sorta di mago munito di bacchetta magica che con un colpo dà il via all’universo. È l’idea della creazione intesa unicamente come un istante iniziale che mette in moto questo grande meccanismo che poi procede con le leggi fisiche».

ANCHE ORA. È un’idea di Dio «facile da mettere in crisi», nota l’astrofisico italiano, ma è un’idea di Dio che non è quella della «tradizione giudaico-cristiana» secondo cui Dio «non è un meccanico che costruisce una macchina e poi esce di scena. Dio è padre e un padre non lo è soltanto nel momento del concepimento. È un rapporto che si distende nel tempo». Il problema, infatti, «è domandarsi da dove proviene l’esserci delle cose, da dove viene questo istante, da dove viene il mio io. Questo è l’essere creati: io non mi faccio da me. Ogni cosa, se dotata di coscienza dovrebbe domandarsi da dove proviene. La creazione non è relegata al Big Bang, la creazione avviene sempre, anche ora».

L’ATEA CHE AMMETTE I MIRACOLI. La “svista” di cui parla Bersanelli è il motivo per cui ancora oggi, spesso, fede e ragione siano continuamente contrapposte. Soprattutto fede e una ragione ridotta solo a ciò che può essere scientificamente dimostrato. È un discorso lungo e ampio, su cui papa Benedetto XVI (per dire di un gigante della ragione che sul tema ha pronunciato parole splendide) s’è interrogato più volte. Qui si vuole solo rimandare a un’intervista che Tempi fece a Jacalyn Duffin, medico ematologo e storica canadese, docente di medicina alla Queen’s University, atea, che ebbe un ruolo determinante nella canonizzazione del primo santo del Canada nel 1990: Marie-Marguerite d’Youville. Un’intervista tutta da rileggere e che trovate qui: «Così io, atea, ho costretto la Chiesa a riconoscere un miracolo». Intervista a Jacalyn Duffin, scienziata “eretica”.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.