Google+

«Non ci resta che affidarci a Dio». L’ultimo sms di Ayub prima di essere massacrato a Garissa

aprile 11, 2015 Leone Grotti

Le storie di Ayub, Isaac ed Elizabeth raccontate per il progetto “non solo numeri”, che vuole ricordare le vittime dei jihadisti in Kenya

garissa-Ayub-Njau-KimothoKenya, 147 non solo un numero (#147notjustanumber). Si chiama così il progetto ideato dal blogger Owaahh perché le vittime del massacro di Garissa non restino «mere statistiche». «Abbiamo dato vita a questo progetto perché sentivamo che la società in cui viviamo è diventata disumana», scrive sulla Stampa spiegando il suo tentativo di «umanizzare i numeri». Ma perché i numeri, diventati volti e nomi, non scompaiano insieme all’hashtag, è importante offrire qualche dettaglio in più su almeno alcune delle vittime, tutte cristiane, dei terroristi di Al Shabaab.

garissa-isaac-kosgey«AFFIDARCI A DIO». Ayub Njau Kimotho (foto sopra a sinistra), 21 anni, studente in Business administration, ha sentito subito gli spari dei terroristi la mattina del 2 aprile nel campus universitario. Si era alzato, come ogni mattina, per recarsi nell’aula usata per le preghiere.
«Era molto religioso e pregava sempre con i compagni prima dell’inizio delle lezioni», ricorda suo fratello Daniel, a cui Ayub ha cominciato a scrivere sms per raccontare quello che stava accadendo, nascosto nella stanza di un compagno. L’ultimo messaggio ricevuto da Daniel sul telefonino recitava: «Non ci resta che affidarci a Dio». Poi più niente. «Ho capito che qualcosa era andato storto, perché non rispondeva più», ha dichiarato il fratello, che non è ancora riuscito a recuperare il corpo di Ayub e che ancora spera l’impossibile: ritrovarlo vivo.

APPASSIONATO DI MUSICA. Isaac Kosgey (foto a destra) è stato tra i primi che i terroristi islamici hanno assassinato. Studente di Economia, «gli esami stavano andando bene. Era di buon umore», ricorda il fratello Stephen, l’ultima persona con cui Isaac, alle tre di notte, ha parlato prima di essere ucciso. Conosciuto anche come Pop Lord Bushen, era appassionato di musica e calcio. «Mi aveva parlato delle minacce al campus, di messaggi scritti in arabo. Ma era tranquillo, ottimista come al solito», continua il fratello, che ha riconosciuto Isaac all’obitorio, freddato con un colpo alla testa.

garissa-elizabeth-musinai«ORA STA CON IL SUO DIO». «Ora sta con il suo Dio». Questo si è sentito rispondere da una voce maschile Fred Kaskon Musinai, dopo aver provato ripetutamente a chiamare la figlia, Elizabeth Namarome Musinai (foto a fianco), 20 anni, al secondo anno di Lingue.
Ma il Dio dell’odio e della morte del jihadista che ha risposto beffardo al padre, non è lo stesso in cui credeva Elizabeth. Era stata lei a chiamare la famiglia per prima, disperata: «Stanno sparando dappertutto, non so se riuscirò a sopravvivere. Di’ alla mamma di pregare». Poi i terroristi le hanno preso il telefono e hanno fatto ai genitori un’assurda richiesta: contattate il presidente Uhuru Kenyatta e ditegli di ritirare tutte le truppe dalla Somalia. Quando la famiglia ha chiamato di nuovo, un terrorista ha risposto cinico: «Vi avevamo dato due minuti per la risposta, ascolta, ora vostra figlia è morta». Ma i terroristi avevano ragione: ora Elizabeth è con Dio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. maurizio says:

    D’accordo che quei ragazzi erano,pare,tutti cristiani ma fa un certo effetto-almeno a me-sapere,come nel caso dei copti uccisi in Libia e tanti altri casi, quanto sia naturale-nel momento di massima difficoltà-affidarsi a Dio.Allora Dio c’é,altrimenti perché affidarsi,mentre un altro sta per ucciderti,a qualcosa che non esiste e non c’entra con la mia vita.Qualcuno dirà:”be’quando si è disperati ci si attacca a tutto,anche ad un Dio che ci si costruisce sul mome e su misura!”.Un po’poco come giustificazione,soprattutto se ciò avviene dopo una vita tutta passata nel Suo Nome…ma se anche così non fosse..se fosse anche il sussulto dello spirito umano dell’ultimo minuto chi lo farebbe per il nulla!!..l’uomo é fatto per la vita e la felicita e perché ciò sia per sempre.C’è qualcuno sulla terra che ci può dare questo?c’é certamente qualcuno che ci può accompagnare in questa ricerca e scoperta..c’è qualcuno,come questi ragazzi,che ci sta testimoniando come Dio c’é e c’è anche e soprattutto nei momenti difficili..c’é tanta gente che in nome di Cristo Dio serve gli”ultimi nelle periferie esistenziali”direbbe Papa Francesco(certo,non solo cristiani ma questo per quel senso religioso che é in tutti).Io sono molto grato a loro!

  2. Saydal says:

    Ecco a cosa è servito “affidarsi a Dio”.

  3. maurizio says:

    Caro Saydal,rileggiti bene l’articolo di fondo e quanto-modestamente,secondo la mia esperienza-ho scritto in precedenza io..forse capirai meglio in cosa consista quell’affidarsi!

    • Saydal says:

      Non c’è proprio niente da capire. Lei ha la sua opinione e io ho la mia. Lei crede in Dio e io non ci credo. Cosa c’è da capire? Proprio niente, è tutto chiarissimo: lei è credente e io no.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.