Google+

Iraq. Ricostruire il convento di Qaraqosh distrutto dall’Isis

novembre 8, 2017 Redazione

Acs lancia una raccolta fondi per ridare una casa alle le suore domenicane di Santa Caterina. «La loro presenza è molto importante per la ripresa della comunità cristiana nella Piana di Ninive»

chiesa-resurrezione-qaraqosh-croce-stato-islamico

Grazie alla generosità dei benefattori italiani, le suore domenicane di Santa Caterina da Siena potranno finalmente riavere il loro convento a Qaraqosh, in Iraq. Aiuto alla Chiesa che Soffre promuove in questi giorni una specifica raccolta fondi a sostegno della ricostruzione del convento, distrutto dall’ISIS durante l’occupazione della Piana di Ninive. La struttura esisteva dal 1974 e una volta riedificata potrà ospitare circa 20 suore.

Nella notte tra il 6 e il 7 agosto 2014, anche le religiose sono state costrette ad abbandonare Qaraqosh, dove il loro ordine era presente fin dal 1893, per cercare rifugio dalla violenza dei jihadisti ad Erbil. «Abbiamo camminato per ore al buio, circondate dalla rabbia, dal dolore, dal pianto dei bambini e con la paura di essere rapite, violentate e vendute come era già successo a migliaia di donne yazide», ha raccontato ad ACS suor Silvia Batras.

In questi anni, sfollate tra gli sfollati, le suore sono rimaste accanto alla popolazione, sostenendo i cristiani e pensando soprattutto ai bambini. Le religiose hanno infatti organizzato due scuole, una ad Ankawa e una a Duhok. Nella prima, realizzata grazie alla generosità dei benefattori di ACS, hanno studiato, ogni anno, oltre 500 ragazzi cristiani dai 6 ai 13 anni.
«La presenza delle Suore di Santa Caterina da Siena a Qaraqosh è molto importante per la ripresa della comunità cristiana nella Piana di Ninive – spiega il direttore di ACS-Italia, Alessandro Monteduro – Le ho incontrate più volte ad Erbil e ho avuto modo di vedere lo splendido lavoro che fanno, soprattutto nella gestione delle scuole per i bambini cristiani».

Un invito a sostenere il progetto giunge anche da padre Georges Jahola, responsabile per Qaraqosh del Comitato per la Ricostruzione di Ninive. Il sacerdote siro-cattolico rassicura sull’attuale stato dell’area, in seguito alla recenti tensioni tra i governi curdo e iracheno. «Le famiglie sono motivate a restare e a ricostruire. Nella maggior parte della Piana di Ninive, la situazione è rimasta tranquilla. Soltanto a Telskuf e Batnaya c’è stata preoccupazione nei giorni scorsi, dopo l’arrivo dell’esercito iracheno. Ma il quadro non è assolutamente drammatico e i cristiani non stanno affatto abbandonando l’area».

Il flusso delle famiglie che rientrano a Qaraqosh non si è dunque arrestato e in tanti attendono con ansia che la loro casa sia riparata. Così don Jahola si rivolge ai benefattori italiani: «Abbiamo bisogno del vostro aiuto che ci dà il coraggio di continuare a ricostruire e di riprendere la nostra vita nella Piana di Ninive».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.