«Per i Comuni il problema non è l’abolizione dell’Imu ma lo Stato che sottrae loro risorse»

«Quando gli italiani non pagavano l’imposta sulla prima casa, i Comuni avevano maggiori finanziamenti». Parla Osvaldo Napoli, ex presidente dell’Anci. La tassa sarà abolita, ma non in una volta sola

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«Dare forza alla campagna elettorale del Pdl proponendo l’abolizione dell’Imu è stata la grande mossa di Silvio Berlusconi. È impossibile che rinunci ai suoi intenti». Osvaldo Napoli, ex deputato Pdl ed ex presidente dell’Anci, è sicuro che il Governo Letta abolirà l’imposta sulla prima casa: «Berlusconi rispettò la promessa anche con la vecchia Ici. Se avesse vinto, l’Imu l’avrebbe già tolta».

L’azionista principale del governo Letta è il Partito democratico, ma è il Pdl a svolgere un ruolo determinante. Riuscirà Berlusconi a ottenere l’abolizione della tassa?
Riuscirà, non credo in un colpo solo, ma in un arco di tempo breve. Non saranno previste esenzioni per gli immobili di lusso, ovviamente.

Quindi l’imposta non sarà abolita in una sola volta.
No, quello è una strada poco percorribile.

C’è chi dubita della realizzabilità complessiva del progetto di abolizione parziale: dove si troveranno le risorse necessarie?
Sul problema del trovare copertura finanziaria, già sono stati indicati e studiati i modi da tanti tecnici.

Si riferisce alla tassazione dei capitali detenuti in Svizzera?
Non c’è solo sul tavolo l’accordo con la Svizzera, ma anche l’aumento delle accise sui beni di lusso.

Parte dell’Imu entra nelle casse dei comuni. Lei è un sindaco. Come pensate di fare a sostenerne l’abolizione?
I comuni non se ne fanno nulla, se poi ci sono i tagli alle risorse. Sono alla canna del gas, ma non a causa dell’abolizione dell’Ici sulla prima casa che fu abolita da Berlusconi. Il problema dei Comuni non è avere quei soldi – basti pensare che quando gli italiani non pagavano l’imposta sulla prima casa, i Comuni avevano maggiori finanziamenti -, ma ricevere le risorse che lo Stato sottrae loro. Il 2012 è stato un anno terribile da questo punto di vista. E non sarebbe replicabile. Se i Comuni saranno ancora spremuti non potranno pagare le imprese né garantire i servizi ai cittadini. Togliere l’Imu sulla prima casa, ma anche sugli immobili agricoli, comunali, del terzo settore, è un obiettivo da raggiungere dando maggiori finanziamenti ai Comuni.

Il governo, però, con il discorso di Letta, ha parlato solo di una sospensione dell’imposta a giugno.
La presenza governo di tanti politici che hanno ricoperto incarichi amministrativi negli enti locali (da Graziano Delrio a Maurizio Lupi, ma anche Angelino Alfano) personalmente, mi fa ben sperare.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •