Google+

I cattolici si sono rassegnati a essere lobby. Anzi, due lobby

marzo 21, 2018 Massimo Introvigne

Una per la famiglia, l’altra per l’accoglienza. Ma così non sanno più farsi percepire come portatori di un progetto globale, forse perché in realtà non ne sono (più) portatori.

“Qual è la casa politica dei cattolici?” è la domanda che abbiamo posto, qualche giorno fa sul sito di Tempi. Esiste un pericolo che si chiama irrilevanza, come ha notato il cardinale Camillo Ruini e un risultato elettorale che ne pare la conferma. Abbiamo chiesto un’opinione su questi temi al sociologo Massimo Introvigne, direttore del Cesnur (Centro studi sulle nuove religioni). Ecco la sua risposta.

Una delle cause – certamente non l’unica – dell’irrilevanza politica dei cattolici è che essi sono percepiti, e spesso si percepiscono loro stessi, come una lobby e non come una famiglia spirituale portatrice di un progetto di società come è quello della dottrina sociale della Chiesa. Non è neppure più ben chiaro di quale lobby si tratti. Per qualcuno è una lobby che cerca di frenare la marcia verso il matrimonio omosessuale con relative adozioni, l’eutanasia, il gender nelle scuole e un maggiore favore dello Stato per l’aborto comunque e dovunque. Per altri è una lobby dell’accoglienza ai rifugiati e agli immigrati (con una grande confusione sulle differenze essenziali fra le due categorie).

Comunque sia, le lobby possono fare un grande lavoro nei corridoi della politica ma sono di solito irrilevanti nelle elezioni. Alle elezioni i cittadini votano per partiti che abbiano una proposta globale che spazi dalla politica estera alla sicurezza, l’economia, i progetti di sviluppo, mentre le lobby per definizione si occupano di un numero ristretto di materie.

I cattolici si sono rassegnati a essere lobby – anzi, due lobby, quella “di destra” della vita e della famiglia e quella “di sinistra” dell’accoglienza –, ma non sono riusciti a farsi percepire come portatori di un progetto globale, forse perché in realtà non ne sono (più) portatori. Continuando così, le lobby potranno ottenere successi tipici del lavoro di lobby, ma non potranno pretendere successi elettorali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.