Gran bailamme in Montenegro per la legge sulla libertà religiosa

Il parlamento vota una norma che permette di incamerare i beni della Chiesa serba, a vantaggio della alla Chiesa ortodossa locale

Mentre le Chiese di Stato del Nordeuropa progressivamente scompaiono, nell’Europa orientale ne appaiono o riappaiono delle nuove. Le prime sono denominazioni protestanti luterane, come quelle di Svezia e Norvegia che hanno perso lo statuto di chiese ufficiali nel corso degli ultimi anni; le seconde sono chiese ortodosse che si dichiarano autocefale, e che vengono sostenute dal governo del loro paese nella loro rivendicazione contro i patriarcati da cui si emancipano. Dopo l’Ucraina, dove la principale Chiesa ortodossa si è staccata dal Patriarcato di Mosca e ha dichiarato l’autocefalia con un Sinodo al quale ha partecipato anche l’allora presidente Porosenko (dicembre 2018), ora è il turno del Montenegro, dove la Chiesa autocefala (non riconosciuta dalle altre Chiese ortodosse) esiste già dal 1993, ma solo ora vede giorni rosei davanti a sé grazie alla legge sulla libertà religiosa e le proprietà ecclesiastiche votata dalla maggioranza di governo del presidente Milo Djukanovic il 27 dicembre scorso.

Scontri in parlamento

L’approvazione della legge è stata preceduta da proteste di piazza animate dalla Metropolia del Montenegro e del Litorale, organica alla Chiesa ortodossa serba (Spc nell’acronimo serbo), sotto la guida del vescovo metropolita Amflohije Radović e dal Fronte Democratico (Fd) che riunisce partiti di opposizione conservatori e filo-serbi. La notte in cui la legge è stata discussa e approvata alle due e mezza del mattino ci sono stati violenti scontri nell’aula del parlamento, e i 15 deputati dell’Fd che avevano lanciato oggetti contro i banchi del governo e insultato e minacciato di aggredire i ministri sono stati per alcune ore arrestati. A sollevare le ire di una parte della società montenegrina sono gli articoli che prevedono che le comunità religiose debbano produrre documenti attestanti il loro diritto alla proprietà dei beni immobiliari che detengono, e se i documenti non esistono o la loro data non è anteriore al 1918 (la data in cui il Regno del Montenegro venne assorbito nel Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, poi Regno di Jugoslavia, e la Chiesa autocefala del Montenegro passò sotto il controllo della Chiesa ortodossa serba), i beni verranno incamerati dallo Stato. Nonostante i dinieghi del governo dominato dal Partito democratico dei socialisti del Montenegro (Dpsc) a cui appartiene il capo dello Stato, la misura sembra pensata per privare della maggior parte dei suoi edifici religiosi (chiese e monasteri) la Metropolia e trasferirli alla Chiesa ortodossa montenegrina (Cpc nell’acronimo serbo) autocefala. Djukanovic, che nei primi anni Novanta era un alleato del leader nazionalista serbo Milosevic, a partire dal 1996 è diventato un fautore prima dell’autonomia e poi dell’indipendenza del Montenegro, conquistata con un referendum nel 2006. Nello stesso tempo è diventato un fiero avversario della Spc e della Metropolia, da lui viste come la longa manus di Belgrado negli affari di Podgorica, e ha concepito l’obiettivo di indebolire la loro influenza in Montenegro a vantaggio della Cpc, considerata l’erede della Santa Chiesa ortodossa serba indipendente in Montenegro che nel 1920 fu unita con la Chiesa ortodossa autocefala nel Regno di Serbia dando vita alla Spc, la Chiesa ortodossa serba attuale.

«Discriminatoria e incostituzionale»

Tuttavia la possibilità di vasti espropri che la nuova legge prevede potrebbe non bastare per il raggiungimento degli scopi che Djukanovic si prefigge. Nel Montenegro i cristiani ortodossi rappresentano circa il 70 per cento dei 620 mila abitanti, e di questo 70 per cento secondo alcuni sondaggi solo il 30 per cento scarso si riconoscerebbe nella Chiesa ortodossa montenegrina, mentre tutti gli altri resterebbero fedeli alla Spc e alla sua Metropolia. La Cpc inoltre non è riconosciuta da nessuna altra Chiesa ortodossa ufficiale, cioè quelle che si riconoscono nel Patriarcato ecumenico di Costantinopoli o che fanno riferimento al Patriarcato di Mosca, né dispone di personale ecclesiastico sufficiente a farsi carico dei 66 monasteri attualmente gestiti in Montenegro dalla Spc. Quest’ultima, che ha definito ufficialmente la nuova legge «discriminatoria e incostituzionale», sicuramente si costituirà in giudizio sostenendo di essere la legittima erede della Chiesa ortodossa montenegrina antecedente al 1920.

Tra Nato e Russia

        La discussione e poi l’approvazione della legge montenegrina sui diritti legali delle comunità religiose hanno prodotto discussioni e interrogazioni anche nei parlamenti della Serbia e della Bosnia. Il presidente serbo Aleksandar Vučić ha avuto un incontro col Patriarca Irinej, massima autorità della Spc, il 4 gennaio scorso per discutere delle conseguenze della legge approvata dal parlamento del Montenegro. Dopo l’incontro Vučić ha rinunciato, su consiglio del patriarca, al viaggio nel nord del Montenegro in occasione del Natale ortodosso che aveva in programma di compiere. Irenej lo ha convinto che questa iniziativa sarebbe sfruttata propagandisticamente da Djukanovic per dimostrare che la Serbia continua interferire negli affari interni montenegrini. Dal 2017 il Montenegro è membro effettivo della Nato, mentre la Serbia resta in rapporti preferenziali con la Russia di Putin, che ha reso noto il suo appoggio a Vučić alla vigilia delle elezioni presidenziali serbe del 2017. Entrambi i paesi però hanno fatto domanda di adesione all’Unione Europea.

Foto Ansa