Google+

Francia. Chiusa moschea radicale: «L’imam chiedeva di pregare per i jihadisti del mondo intero»

aprile 14, 2017 Redazione

L’imam della moschea di Torcy era anche un professore di matematica nella scuola statale e «incitava al jihad armato, presentando ebrei e cristiani infedeli come nemici da combattere»

belgio-francia-islam-ansa

Il ministero dell’Interno francese ha annunciato martedì in un comunicato di aver chiuso una moschea a Torcy (Seine-et-Marne) che diffondeva «una ideologia radicale e incitava al jihad armato, chiedendo ai fedeli di pregare per i jihadisti del mondo intero». La sala di preghiera, gestita dall’associazione Raha, era guidata da un imam-professore di matematica in un liceo pubblico della città, lo Jean-Moulin, dove ora è stato sospeso.

L’imam Abdelabi Bouhnik «da anni si distingueva per preghiere apertamente ostili alle istituzioni, alle leggi della République, alla laicità ma anche agli occidentali, agli sciiti e agli ebrei, presentati come nemici da combattere». Insieme al suo vice, Mohammed Tlaghi consigliava «la violenza fisica e la lapidazione per le adultere», oltre che l’odio per ebrei e cristiani «infedeli».

Non solo. L’imam veicolava il verbo della sharia anche in classe, dove avrebbe impedito a degli studenti, un anno dopo la strage del Bataclan, di parlare e discutere dell’attentato. Di conseguenza, finì sotto ispezione del ministero dell’Educazione nazionale, che però incredibilmente «non rilevò tracce di proselitismo religioso» e radicalizzazione, nonostante Bouhnik cercasse di entrare nella vita personale delle ragazze e «influenzarle»

Dopo la serie di attentati del novembre 2015, la Francia ha iniziato a controllare più da vicino moschee, sale di preghiera e centri culturali islamici. Da allora ne ha già chiusi una ventina: la moschea di Torcy è la terza solo nel 2017. L’imam ha rilasciato poche dichiarazioni: «Non capisco, è ingiusto. Non avrei mai potuto immaginare accuse del genere. È un duro colpo. Non ha mai fatto nessuna delle cose di cui sono accusato».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi