Ecco il campione universale di morra cinese che non perderà mai una partita. [link url=https://www.tempi.it/videogallery/il-robot-che-non-puo-perdere-a-morra-cinese#axzz20IkO8EqP]Video[/link]

È un robot giapponese e non potrà mai perdere una partita di “sasso-carta-forbice”. Troppo intelligente? No, c’è il trucco.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


L’Università di Tokyo ha da poco inventato un robot
così perfetto che non può perdere all’eterno gioco a morra cinese, neanche volendo. Com’è possibile? Eppure è vero, e il video che vi mostriamo lo dimostra: la telecamera di cui è dotato il robot, collegata a tre dita meccaniche, non sbaglia un colpo e risulta più veloce di qualunque cervello umano

Ma, si dirà, da che mondo è mondo ci sono solo tre modi per vincere all’eterno gioco “sasso-carta-forbice”: conoscere alla perfezione l’avversario, tanto da influenzarlo, avere una fortuna sfacciata e barare spudoratamente. Sono leggi terrene e finché il robot abita questa terra deve rispettarle. Come fa dunque la macchina infernale a vincere sempre? Il trucco lo spiega l’inventore Masatoshi Ishikawa: «Ogni millisecondo il processore di immagini riconosce la forma della mano umana e decide cosa giocare di conseguenza. In questo modo gioca esattamente un millisecondo dopo l’uomo, che non percepisce la differenza perché l’occhio è troppo lento rispetto alla macchina. Ecco perché non perde mai».

Insomma, l’intelligente robot giapponese è programmato per essere un grandissimo baro: prima guarda cosa giochi e poi risponde. Proprio come si faceva da piccoli, con l’unica differenza che nessuno potrà mai scoprirlo. Se la logica che sta sotto la creazione del robot è vecchia come il cucco, la sua applicazione potrebbe essere molto utile perché, secondo l’inventore, la tecnologia potrebbe migliorare di tanto la vita, ad esempio, dei disabili: «Come prima cosa voglio realizzare un robot molto veloce e intelligente. Quando sarà stabile, sicuro e rapido penseremo ad applicarlo al corpo umano». Sperando non gli freghi il portafogli.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •