Google+

Cina. Nonostante il boicottaggio del regime, c’erano cinquemila fedeli al funerale del vescovo Fan, simbolo della Chiesa sotterranea

marzo 24, 2014 Redazione

Shanghai. Per ordine dello Stato le esequie si sono svolte nella funeral home e non nella cattedrale. Settanta preti hanno concelebrato la stola rossa, «simbolo del martirio»

Funerale Joseph Fan ZhongliangC’erano circa cinquemila fedeli nella funeral home di Shanghai, a dare l’ultimo saluto a Joseph Fan Zhongliang, vescovo ordinario di Shanghai morto 97enne. Il religioso era simbolo della chiesa “sotterranea” cinese, e per anni ha dovuto vivere la sua vocazione incarcerato agli arresti domiciliari, oppure costretto ai lavori forzati in campi di prigionia: per questo, riferisce AsiaNews, le autorità non hanno dato il permesso di celebrare le sue esequie nella cattedrale cittadina, quella di Sant’Ignazio, che si sono dovute svolgere appunto nella laica funeral home. Nonostante ciò, nei giorni scorsi il flusso di fedeli che accorrevano a pregare sulla salma era stato costante, le Messe sulla sua bara si susseguivano sebbene le autorità cittadine avessero chiesto un rito di basso profilo. E sabato, prima del funerale, il cortile davanti alla funeral home era pieno di migliaia di cattolici. La polizia è intervenuta per dirigere il traffico e portare ordine all’area: un maxischermo è stato posto all’esterno della struttura, per permettere a tutti di seguire la Messa.

MANCAVA TADDEO MA DAQIN. A presiedere la celebrazione c’era padre Zhu Ude, sacerdote della comunità sotterranea locale, assieme ad altri 70 preti, sia della Chiesa ufficiale che sotterranea. Tutti avevano addosso la stola rossa, che «simbolizza il martirio», simbolo di monsignor Fan, ha riferito uno dei presenti ad AsiaNews. Chi mancava, invece, era monsignor Taddeo Ma Daqin, attuale vescovo di Shanghai costretto agli arresti domiciliari: fino all’ultimo si è sperato che il religioso riuscisse ad essere presente, ma alla fine le autorità non hanno dato l’ok. Nonostante ciò, durante la preghiera eucaristica, tutti i sacerdoti presenti hanno proclamato «il nostro vescovo Taddeo». Quanto alle celebrazioni, il governo cinese ha proibito di usare la parola “vescovo” per indicare monsignor Fan, poiché appunto non riconosciuto come tale in quanto esponente della chiesa sotterranea: pertanto, nella sala della funeral home, era esposto uno striscione dove era usata la parola “pastore”.

NON SONO BASTATI 4MILA LIBRETTI. Per la celebrazione erano stati preparati 4mila libretti, che sono risultati insufficienti per tutti i partecipanti al rito. Lunga è stata la celebrazione: circa tre ore, anche perché, al termine, quasi tutti i fedeli, uno a uno, sono voluti passare davanti alla salma per salutare Fan. Un sacerdote sotterraneo ha detto ad AsiaNews che egli è stato contento che la liturgia si sia svolta in modo tranquillo, con la benedizione di Dio. La presenza di sacerdoti ufficiali e sotterranei, ha aggiunto, fa sperare nell’unità della Chiesa in Cina.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Ellas says:

    Nessuno dice nulla? Allora, popolo gay, perchè non dite qualcosa?

    Ve lo dico subito: l’esempio di vita di quest’uomo è ciò che sta facendo Asia Bibi.

    Imprigionare una persona per 50 anni? E voi che vi lamentate di non poter dare spettacolo in pubblico? Voi potete sempre nascondervi e farlo, gente come il vescovo Fang, invece avrebbe dovuto abiurare, e arrendersi al governo cinese.

    No, mi spiace ma nè voi, nè io possiamo essere al suo livello. Nè a quello di Richard Wurumband, il pastore protesante che ha passato 14 anni in un carcere comunista della Romania nel 2ndo dopoguerra.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.