Caffarra: «Le foto del Cassero sono un insulto di diabolica perfidia a Cristo in Croce»

Il cardinale di Bologna durissimo sull’iniziativa del locale Arcigay che ha promosso una serata serata «eretica e scaramantica» con tanto di «sbattezzo point»

GAY: FOTO BLASFEME A BOLOGNA, POLEMICA FINISCE IN PROCURAPolemiche a Bologna per l’iniziativa “Venerdì credici”, promossa dal Cassero, storico locale Arcigay. L’iniziativa di venerdì scorso – una serata «eretica e scaramantica» con tanto di «sbattezzo point» – è stata promossa attraverso manifesti e immagini che ritraggono tre uomini travestiti da Gesù e due da ladroni che mimano atti sessuali utilizzando una croce (quella che vedete in pagina è una delle più soft). Hanno protestato in molti, sia esponenti del centrodestra sia alcuni cattolici del Pd, anche perché il locale riceve finanziamenti dal Comune guidato dal sindaco Pd Virginio Merola. Franco Grillini, presidente di Gaynet, ha scritto su Facebook: «Giù le mani dal Cassero!»: «La polizia religiosa dei nostri ayatollah va in Procura per chiedere la chiusura del Cassero per una banale satira contro l’oppressione religiosa. Un mese fa erano tutti Charlie Hebdo, oggi sono tutti come Al Baghdadi!». I responsabili del Cassero, però, dopo le polemiche, hanno risposto con una nota nella quale avanzano delle mezze scuse: «Alcune persone, per quelle foto, si sono sentite offese: per rispetto a quelle persone – e non a un’ideologia o a un comandamento – ci scusiamo. Chi invece chiede una sanzionesta solo sfruttando un’occasione per colpire il Cassero. Sono loro i veri blasfemi».

IL COMUNICATO DI CAFFARRA. Molto duro il commento del cardinale arcivescovo di Bologna Carlo Caffarra che ha scritto in un comunicato: «Le fotografie della serata “Venerdì credici” al Cassero di Bologna sono un insulto di inarrivata bassezza e di diabolica perfidia a Cristo in Croce. Non si era ancora giunti a un tale disprezzo della religione cristiana e di chi la professa da irridere, tramite l’abominevole volgarità dell’immagine, persino la morte di Gesù sulla Croce. Addolora, ma non stupisce, costatare con che dispiegamento di forze si cerca di far passare l’idea che il cristianesimo e il cattolicesimo in particolare, siano i nemici della libertà, delle giuste rivendicazioni, del progresso scientifico, della laicità, della democrazia. Ogni ideologia che non riesce a farsi alleata la Chiesa, la perseguita ferocemente, sia uccidendo i cristiani sia insultando ciò che essi hanno di più caro. E vede giusto: in una Chiesa fedele al Vangelo non troverebbe mai l’appoggio incondizionato e cieco, di cui ogni menzogna ha bisogno per sopravvivere. Che dire poi del tempismo che vede in contemporanea il teatrino del Cassero profanare il dramma del Calvario e sulle sponde del Mediterraneo la demolizione delle croci e di ogni simbolo cristiano dalle chiese assaltate dall’ISIS? Quando si invoca la libertà di espressione a giustificazione della libertà di insulto, c’è da chiedersi se sia prossima la fine della democrazia. E ci si domanda a che titolo l’Istituzione comunale possa concedere in uso gratuito ambienti pubblici a gruppi che li utilizzano per farne luogo di insulto e di dileggio».

LA DENUNCIA. Oggi a Bologna i consiglieri comunali Marco Lisei, Forza Italia, Valentina Castaldini, Nuovo Centrodestra, e Galeazzo Bignami, capogruppo Forza Italia in Regione Emilia Romagna hanno denunciato l’attività del Cassero in relazione agli articoli 404, 725 e 726 del codice penale: «Abbiamo presentato denuncia alla Procura della Repubblica -spiegano – per l’indecente spettacolo messo in piedi dal Cassero, comprovato da immagini pubblicate su internet, che offende la Chiesa e la religione cristiana. È inaccettabile che queste tipologie di spettacolo vengano finanziati con i soldi pubblici elargiti dal Comune tramite contributi per varie attività e la concessione in comodato d’uso gratuito di una sede del valore di circa 100.000 euro annui di locazione. Chiediamo al Sindaco Merola di prendere una posizione precisa e di non essere connivente di un reato penalmente perseguibile. Per questo lunedì presenteremo un ordine del giorno in Consiglio Comunale per chiedere al sindaco e alla sua maggioranza di assumersi la responsabilità politica di quanto accaduto e interrompere la convenzione ed ogni contributo all’Arcigay il Cassero e costituirsi parte civile nel procedimento penale».

FANNO I CORSI NELLE SCUOLE. La Manif pour tous di Bologna ha reso noto un comunicato (“Non insegni a scuola chi disprezza i valori altrui”) in cui «denuncia il fatto che a questa stessa associazione è dato da anni di entrare nelle scuole dei nostri figli per impartire lezioni sulla sessualità e sull’affettività. Da anni Il Cassero gestisce corsi nelle scuole, tra l’altro, per “fornire strumenti di decostruzione delle rappresentazioni delle varie identità sessuali” o per “fornire giuste informazioni relative all’orientamento sessuale, l’identità di genere ed i ruoli di genere” e altre tematiche altamente sensibili».

Foto Ansa