«Uomini, urinate da seduti». La proposta del ministro per l’Ambiente di Taiwan

Può sembrare una barzelletta, ma non lo è. È una questione seria, serissima, ed è stata fatta dal ministro dell’Ambiente di Taiwan. Stephen Shen ha chiesto a tutti i maschi dell’isola di urinare seduti sulla tazza «per non sporcare i bagni». Il ministro, forse per convincere i taiwanesi, ha aggiunto che lui stesso ha preso da tempo questa abitudine.

A voler discutere seriamente la proposta, si potrebbe far notare, come ha fatto un dipendente del ministero, che i bagni pubblici maschili sono costituiti quasi interamente da urinatoi a muro, dove non ci si può sedere. Per questo, sarebbe meglio che i maschi si allenassero ognuno a casa propria per far raggiungere al ministero l’obiettivo di avere bagni pubblici più puliti utilizzando meno inservienti. Secondo il direttore dell’entourage del ministro, Yuan Shaw-jing, «ci sono 100 mila bagni che puzzano per colpa dell’urina maschile. Dobbiamo imparare da Giappone e Svezia, dove il 30 per cento degli uomini già si siede».

E se qualche uomo di Taiwan ha preso bene la proposta, su internet impazzano i commenti e le battute: «Perché il ministro non indossa anche una bella gonna?» ironizza un utente sul forum del quotidiano taiwanese United News. «Mi piacerebbe vedere Stephen Shen e il presidente Ma che fanno una dimostrazione in tv di come ci si siede sulla tazza per pisciare» chiosa un altro. Ad ogni modo, siccome il governo non può obbligare gli uomini a cambiare abitudini, è probabile che si dovrà accontentare di affiggere cartelli sulle porte dei bagni pubblici. Con notevole ed inutile dispendio di risorse pubbliche.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •