Il mio grazie a Benedetto XVI (anche per quel bellissimo rosario che mi ha regalato)

Cari amici, oggi è l’ultimo giorno di Benedetto XVI. Dico la verità: la sua rinuncia, e non credo di essere la sola, mi ha davvero colpita e lasciata allibita. Ora inizierà il Conclave e avremo un nuovo Papa. Fino a stasera, in ogni caso, godiamoci il nostro Benedetto XVI, poi avremo modo di conoscere ed apprezzare il nuovo Papa. Certo che già questo Pontefice si era ritrovato un’eredità molto pesante: guidare la Chiesa dopo il nostro amato papa Wojtyla! Eppure il tempo ci ha fatto amare anche lui, nonostante fosse meno caloroso del suo predecessore.
Papa Ratzinger si è fatto amare nonostante la riservatezza, e la sua cultura l’ha fatto apprezzare da tutti. Si ritirerà dagli occhi del mondo, ma sapremo che pregherà per tutti noi.

Sapete, io dopo che il Papa si era insediato gli avevo scritto, affidando una lettera al nostro arcivescovo padre Paolo Atzei, che l’aveva consegnata proprio nelle sue mani pregandolo anche di dire una preghiera per me sulla tomba del nostro amato papa Giovanni Paolo II.
Cari amici, papa Ratzinger mi ha risposto tramite il suo segretario con parole molto toccanti e mi ha donato anche un bellissimo rosario che ho appeso insieme alla sua lettera sopra al mio letto. A questo proposito, lo voglio ringraziare di avermi ascoltato, confortato e avermi fatto sentire importante per Lui.

Questo Papa ci mancherà perché si è fatto amare da tutti noi, ma forse non se la sentiva più di affrontare questa vita di troppi e gravosi impegni. Arrivederci e grazie papa Ratzinger! Le auguro tanta serenità e al nuovo Papa buon lavoro.

Bacioni

Susanna

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •