Google+

Il chilometro vale zero se non è anche buono

ottobre 12, 2017 Tommaso Farina

mercato ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Tra i nuovi mantra della ristorazione, quello del cosiddetto “chilometro zero” è da tempo uno dei più ricorrenti. Di che si tratta? È l’enfasi a utilizzare ingredienti prodotti il più vicino possibile al ristorante che dichiara di farne uso. Bene, bravi, bis. Votiamo a favore. In effetti, perché prendere i pomodori da lontano, se possiamo trovarli coltivati a poca distanza? A parità di qualità, le verdure più sono fresche più sono buone. Una verdura che arriva da lontano, coi viaggi e la catena del freddo, finirà per perdere profumo e sapore. Come i funghi: se preferiamo quelli italiani, non è per razzismo verso i porcini che arrivano dalla Romania. Un camion che si fa qualche migliaio di chilometri non è l’ideale per l’intensissima fragranza dei porcini, mica per altro.

Però occorre anche allargare il discorso. Molti parlano del chilometro zero enfatizzando non tanto l’aspetto della freschezza, quanto quello del minor uso di mezzi di trasporto inquinanti d’impatto globale. Vero e giusto. Ma allora, che facciamo con quello che non c’è da noi? Niente più caviale perché lo lavorano da lontano? Ostracismo a ogni genere di frutta tropicale, banane comprese? Ma anche nella stessa Italia, lo stupendo agnello di Zeri lo dobbiamo gustare solo in Toscana? La mozzarella di bufala solo a Paestum o a Cancello e Arnone?

Tutti questi discorsi, sacrosanti, hanno portato alcuni chef avveduti a definire un altro concetto: “chilometro buono”. Ossia, usare le materie prime migliori, possibilmente tracciabili e in qualche modo dotate di tratti distintivi che le rendano protagoniste, in quanto tali, della cucina della casa. Si possono condire gli gnocchi, per esempio, con un particolare Parmigiano di montagna dell’Appennino, spiegando da dove viene e perché è diverso da quello fatto in pianura. O usare le acciughe del Cantabrico, esaltandone la carnosità. Ciò che conta è sempre l’intelligenza, il grano salis.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'evento sarà ospitato all'interno del Parco Fellini di Rimini, oltre 25.000 metri quadrati a disposizione degli appassionati di bici, in tutte le sue declinazioni

L'articolo Italian Bike Festival, 31 agosto-2 settembre. Info e prenotazioni proviene da RED Live.

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.