Google+

È forse cambiato il destino dell’uomo con i cambiamenti radicali della tecnologia?

gennaio 17, 2018 Giovanni Fighera

Ad un uomo che si è abituato agli avatar, agli oggetti in 3D che non sono né nati, né morti né viventi che risposta può dare Cristo che ha sconfitto la morte? Ad un uomo che in tutti i modi ha esorcizzato la paura della morte che cosa può dire Colui che ha sconfitto per sempre il male e la morte? L’uomo medioevale era molto più concreto del cittadino multimediale odierno ed era molto più positivo. Certamente non conosceva tutto del sole e della terra, non conosceva le cause scientifiche della pioggia come l’uomo di oggi, ma era molto più vicino alla terra, al sole e alla pioggia, sapeva come avvalersi di loro, li guardava ed osservava bene e per questo li conosceva meglio.

In Risurrezione. Istruzioni per l’uso (edizioni Ares) F. Hadjadj racconta la sua esperienza di conversione avvenuta nel 1998 di fronte alla statua della Vergine Maria nella Chiesa di San Severino a Parigi. Scopriamo che fin quando non era convertito viveva il tempo della credulità: credeva ai suoi genitori come se fossero dei, agli idoli presentati dal panorama culturale e televisivo, alla Rivoluzione francese e a quella socialista, a Nietzsche e a Hegel e via dicendo. Un bel giorno ha scoperto che Dio si era fatto ebreo. Così diventa cristiano e cattolico. Finisce così il tempo della sua credulità e inizia il tempo «di una molto profonda – e umiliante – oggettività». Così, nelle pagine del libro, scopriamo che la risurrezione di Cristo, avvenuta duemila anni fa, opera ancora oggi nella mia vita, cambia il mio presente e la vita ordinaria.

«La resurrezione» scrive Hadjadj «non è più solo il luogo della fede nella vita eterna, ma è anche la ragione per dare la vita temporale a dei piccoli mortali».

Il risorto ha insegnato nei quaranta giorni in cui è rimasto con i suoi discepoli «a non vedere più lui, ma a vedere ogni cosa in lui, e riconoscere la sua gloria ovunque affiori nel quotidiano».

Dopo l’ascensione la carne inizia ad appartenere al Cielo e lo Spirito fa parte delle realtà visibili.

Gesù Cristo non è venuto a fare il superuomo, ma ha voluto sposare il quotidiano e dopo la resurrezione «non trova di meglio che ritrovarsi con i suoi amici e mangiare con loro». Il fatto che voglia apparire semplicemente umano prova che fosse Dio, perché «un semplice umano non vuole apparire come un semplice uomo». Lui «non gioca con le stelle, perché le stelle sono già il suo gioco».

Al contempo, come scrive Giovanni Testori, è vero che «dopo la passione di Cristo e dopo la sua resurrezione, il dolore dell’uomo non è più un dolore cieco, un dolore muto, un dolore demente, folle e disperato; bensì un dolore che conduce l’uomo nel grembo stesso della sua speranza; è dunque un dolore che conduce l’uomo a raggiungere il senso primo ed ultimo della sua vita. È dunque un dolore santo, […] un dolore, ecco, felice».

«È forse cambiato il destino dell’uomo con i cambiamenti radicali della tecnologia?» si chiede Hadjadj. Due secoli fa, a conclusione del Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, Giacomo Leopardi si chiedeva se la questione della felicità umana sarebbe mutata nel momento in cui l’uomo avesse imparato ad errare di giogo in giogo. Di fronte alla vertigine, di fronte al senso di sproporzione che si fatica a reggere,  la tentazione è quella di pensare che il progresso, le nuove acquisizioni tecnico – scientifiche possano risolvere il problema umano: è il mito dello scientismo che tanto imperversava al tempo di Leopardi come imperversa ora.

«Le magnifiche sorti e progressive» dello scrittore Terenzio Mariani corrispondono, infatti, al neopositivismo contemporaneo ben incarnato nella pubblicità di qualche anno fa che recitava «l’ottimismo è il profumo della vita» (nel cui messaggio è ben chiaro che la ragione per cui si deve essere ottimisti è la possibilità di usufruire di strumenti tecnici sempre più sofisticati, sempre più moderni, impensabili un tempo).

L’uomo non è divenuto immortale oggi, né tantomeno la questione della felicità è oggi mutata. Hadjadj constata, però, un’evidenza di oggi: «Quello che ieri costituiva il destino umano – nascere figlia o figlio di un padre e di una madre, lavorare con le proprie mani, condividere un pasto attorno ad una tavola, generare a propria volta per far posto alla generazione successiva quando lasceremo questo mondo – tutto questo sembra reso opzionale dalla tecnologia».

Oggi ci viene chiesto se noi preferiamo un figlio per via sessuale o in provetta, o ancora se sia nostro desiderio morire oppure essere immortali oppure se rimanere umani o «essere upgradati verso una presunta umanità 2.0».

Il filosofo francese parla al riguardo di «contro-annunciazioni». Qual è l’annuncio portato dal tecnicismo? «Le tecnologie NBIC (Nanotechnology, Biotechnology, Information technology and Cognitive science) verranno su di te e la potenza dell’Ingegneria ti adombrerà».

Per questo «non basta più dire come una volta: -Dio si è fatto uomo affinché l’uomo diventi Dio- Occorre aggiungere che Dio si è fatto uomo perché l’uomo resti umano, e che essendo divinizzato sia sempre più umano ancora».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.