Google+

Alessio De Giorgi, direttore di Gay.it e primo “pacsato” in Italia, correrà nella Lista Monti

gennaio 10, 2013 Redazione

Correrà per il Senato in Toscana. Favorevole all’estensione dei diritti («eterologa per le lesbiche») promette che, se eletto, si batterà per «la civil partnership, sul modello inglese»

«Ho accettato la candidatura in Toscana, al Senato, per la lista Monti». Ad annunciarlo, sul suo profilo Facebook, è Alessio De Giorgi, direttore di Gay.it e primo “pacsato” in Italia visto che dieci anni fa si è unito al suo compagno Christian Panicucci, cittadino francese (nella foto in pagina, il giorno delle “nozze”). De Giorni si candida al Senato con la lista Monti, in quarta posizione e le possibilità di entrare a Palazzo Madama sono buone, se la lista prenderà più dell’11 per cento.

«Ho accettato la candidatura in Toscana, al Senato, per la lista Monti», scrive De Giorgi. «L’ho fatto con convinzione, sapendo che l’agenda Monti conteneva gran parte delle proposte che erano nel programma per le primarie di Matteo Renzi salvo che per la parte sui diritti civili – che io stesso avevo contribuito a costruire ed a scrivere -, lacuna che viene però coperta dalla scelta che è stata fatta sul mio nome che non è certamente un nome neutro o leggero su questi temi».

«Mi candido comunque in una lista civica – prosegue il direttore di gay.it –, non in un partito politico con una disciplina interna, che dentro ha anche molte personalità provenienti dal mondo cattolico alcune delle quali sicuramente distanti dalle mie posizioni, nella quale la scelta che è stata fatta sul mio nome è un chiaro segno di pluralismo. Se entrerò al Senato lo farò con le mie idee, la mia storia, le mie passioni, non cambiando una virgola di quanto ho pensato in questi anni: resto un uomo di centro-sinistra, che presta il suo nome per una operazione politica che intende innanzitutto evitare la deriva a sinistra del Partito nel quale per anni sono stato iscritto, il Partito Democratico».

«Trovo infine significativo, quasi storico – conclude -, che finalmente anche nel nostro paese una formazione politica di centro decida di candidare un omosessuale dichiarato che negli anni, anche se su posizioni mai massimaliste, si è speso sul tema dei diritti civili e del riconoscimento delle convivenze omosessuali».

E in’intervista a Panorama, De Giorgi spiega di essere passato a Monti dopo aver scritto il programma delle primarie di Renzi relativamente alla questioni dei «diritti e delle libertà. Parte che io stesso ho contributo a scrivere con le Officine democratiche, il laboratorio politico di Matteo. Divorzio veloce, civil partnership all’inglese per le coppie omosessuali,un qualche riconoscimento delle convivenze di fatto sia per le coppie omosessuali che eterosessuali, carceri, handicap, fecondazione assistita…». Anche per le lesbiche? «Siamo circondati da Paesi – ha detto de Giorgi a Panorama – che prevedono anche per le lesbiche le possibilità di accedere alla fecondazione assistita. Ha senso isolarsi? E poi una legge, secondo me, non può intromettersi troppo nel privato delle persone…». Fosse eletto,  la sua prima proposta di legge sarebbe «la civil partnership, sul modello inglese».

De Giorgi non è l’unico omosessuale dichiarato che correrà per Monti. Come lui stesso rivela «ci sono io, c’è Adriana Galgano in Umbria e c’è il presidente delle Officine, Giuliano Gasparotti. Anche lui omosessuale dichiarato». Con tre tre candidati lgbt per il Pd, due per Monti, due per Sel, uno per Centro democratico, «la prossima legislatura rischia di essere la più gay nella storia del Parlamento».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Poppi_Pippo says:

    sempre + convito di votare monti, anche perchè PD ha la vittoria in pungno, e dare un po + di sostegno a monti serve in questo caso…

  2. Marco says:

    Casini e Fini sono due persone coerenti ! Tutto ma non che siano incoerenti ! Per fortuna che alcuni si sono affrettati a benedire il proff

  3. giuliano says:

    due uomini che si baciano è l’emblema schifoso dell’Italia 2013, e orrendo è il constatare che su questo atto si basi la politica di molti e il consenso di moltitudini

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.