Google+

63 milioni. È il numero delle bambine abortite o lasciate morire in India

febbraio 1, 2018 Redazione

In un report annuale sull’economia il governo di New Delhi ha comunicato il numero di femmine uccise o abbandonate subito dopo il parto

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Sono più di 63 milioni, in India, le bambine abortite, lasciate morire o abbandonate subito dopo il parto. A fornire questo sconvolgente dato è il governo di New Delhi nel suo report annuale sull’economia indiana. La stima conferma l’esecrabile usanza indiana a preferire i figli maschi alle femmine e ad abortire se si scopre di essere incinte di una femmina (o ad abbandonare o lasciare morire di stenti le neonate).

La ragione di questa usanza è di tipo economico e culturale: in India la proprietà passa solo ai maschi e, anzi, le femmine comportano un costo, visto che è ancora in uso la “dote” quando una figlia si sposa. Per questo le famiglie indiane (soprattutto nelle campagne, ma anche nelle città e nelle regioni più avanzate) tendono a rifiutare le figlie femmine e a favorire invece i maschi. Di qui la diffusione degli aborti selettivi.

A questo aspetto si aggiunge poi un altro drammatico dato, sempre contenuto nel report governativo: sarebbero 21 milioni le figlie femmine indesiderate, ossia quelle che i genitori hanno tenuto comunque, pur desiderando un maschio. Queste donne sono costrette a vivere ai margini. Molti studi, inoltre, hanno dimostrato che in India le ragazze ricevono meno istruzione, hanno una nutrizione più povera e ottengono meno cure mediche rispetto ai maschi.

E proprio ieri un nuovo orrore è stato denunciato nella capitale, dove un giovane ha violentato una bimba di otto mesi. Le condizioni della piccola sono molto gravi. Nel 2016, secondo i dati più aggiornati del National Crime Records Bureau, in India sono stati registrati ben 36.000 casi di stupro e aggressione sessuale.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.