Google+

Yemen. Nel 2016 le bombe saudite hanno ucciso oltre 600 bambini

ottobre 5, 2017 Redazione

L’Onu dovrebbe inserire a fine mese l’Arabia Saudita tra i paesi che «uccidono i bambini in guerra». Riyad bombarda lo Yemen dal 2015 e l’anno scorso ha colpito anche 38 scuole e ospedali

epa05522297 A Yemeni child stands over the rubble of a destroyed house targeted by an alleged Saudi-led airstrike in Bait Marran district, Sana'a province, Yemen, 03 September 2016. According to reports, at least nine Yemenis, including five children, were killed and two others injured when an alleged Saudi-led airstrike targeted their house in the northern vicinity of the rebel-held Sana'a, as the Saudi-led military coalition intensifies airstrikes on several cities across Yemen.  EPA/YAHYA ARHAB

Non si ferma dopo oltre due anni la guerra in Yemen e non sembrano avere fine le atrocità commesse dalla coalizione araba a guida saudita nel paese. A farne le spese sono soprattutto i bambini e l’Arabia Saudita ha enormi responsabilità. Per questo le Nazioni Unite hanno inserito Riyad in una lista di paesi che «uccide e minaccia i bambini in zone di guerra».

BOME SU SCUOLE E OSPEDALI. Nella bozza che dovrà essere approvata a fine mese si legge che solo nel 2016 l’Arabia Saudita ha ucciso con bombardamenti indiscriminati 683 minori, mentre in altre 38 occasioni ha colpito con i suoi ordigni scuole e ospedali. Riyad si è difesa spiegando di non aver mai colpito civili o infrastrutture civili strategiche «di proposito», ma sono dichiarazioni che impallidiscono di fronte ai numeri diffusi dall’Onu: da quando nel marzo del 2015 è cominciata la campagna di bombardamenti in Yemen, sono morte 8.530 persone, nel 60 per cento dei casi civili, e altre 48 mila sono rimaste ferite. Venti milioni di abitanti hanno bisogno di assistenza umanitaria e l’emergenza sanitaria e alimentare portata dalla guerra ha causato la peggiore epidemia di colera del mondo.

L’ESCLUSIONE DEL 2016. Secondo quanto riportato da AsiaNews, «il rapporto Onu riconosce anche che la coalizione “ha messo in atto misure” per “migliorare” protezione e tutela dei bambini. Abdallah al-Mouallimi, rappresentante permanente dell’Arabia Saudita all’Onu, non ha voluto commentare la bozza del rapporto, fino a che non verrà diffusa la versione ufficiale alla fine di ottobre». L’anno scorso, dopo un’enorme pressione politica, Riyad era riuscita a farsi escludere dalla lista nonostante nel 2015 avesse ucciso 510 bambini in Yemen e feriti altri 667. Quest’anno sembra che non riuscirà a ottenere il medesimo risultato.

CAOS E MORTE. Il caos si è impadronito del poverissimo paese arabo fin dall’inizio del 2015: nel gennaio di due anni fa gli Houthi hanno conquistato i principali centri di potere nella capitale Sana’a. I ribelli discesi dal nord del paese, un tempo diviso dal sud, chiedevano da tempo di essere più rappresentati negli organi decisionali. L’assalto, che ha portato alla cacciata del premier e alla fuga del presidente Abdrabuh Mansur Hadi in Arabia Saudita, ha aperto uno scontro tra gli sciiti, le milizie fedeli al presidente e i secessionisti del sud. A marzo l’Arabia Saudita, temendo un nuovo dominio sciita al confine, ha cominciato a bombardare il paese a tappeto per stanare i ribelli. Oggi molte parti del paese sono finite in mano a Isis e Al-Qaeda.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download