Google+

Vaccini e autismo. Panico in Puglia per l’inchiesta di Trani. Il pm Ruggiero? A convegno con il medico anti-vaccini

marzo 28, 2014 Redazione

Calano del 5 per cento le vaccinazioni nella regione. Il pm che indaga a Trani, prima delle indagini, partecipò a un convegno insieme al dottore anti-vaccini Montinari

«Le evidenze scientifiche non le fanno i tribunali ma gli scienziati». Lo ha ricordato Beatrice Lorenzin, ministro della Sanità, al pm della Procura di Trani, Michele Ruggiero, che sulla base di un esposto di una coppia di genitori con un bambino affetto d’autismo, sta svolgendo un’inchiesta sulla correlazione tra vaccino trivalente e autismo.

CALO DI VACCINAZIONI IN PUGLIA. Non è finora bastato ricordare, come ha fatto Lorenzin, che «senza vaccinazioni di massa milioni di bambini muoiono». E anche se l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nega correlazioni tra la vaccinazione trivalente e autismo, l’inchiesta di Trani procede senza interferenze. Con un solo problema. In Puglia già si è riscontrato un calo, in pochi mesi, del 5 per cento di vaccinazioni e solo negli ultimi giorni, cinque bambini sono stati sottratti alle vaccinazioni obbligatorie. Per rispondere al fenomeno preoccupante, la Regione ha dovuto ribadire che i genitori che impediscono le vaccinazioni violano la legge e rischiano di fare i conti con il tribunale dei minorenni.

IL DOTTORE ANTI-VACCINI. La Stampa ha scoperto che poche settimane prima che fosse aperto il fascicolo, il pm incaricato delle indagini aveva tenuto un incontro organizzato da una associazione che si batte contro i vaccini e da un dottore famoso per le sue “teorie altenative” sulle vaccinazioni. «Il medico si chiama Massimo Montinari, 56 anni, nato a Bari, studio a Firenze», informava ieri il quotidiano torinese. Il dottor Montinari si definisce «esperto di autismo con nomina dell’Istituto Superiore della Sanità» e «da vent’anni sostiene che l’autismo sia curabile con l’omeopatia». Secondo Montinari la causa dell’autismo sarebbero proprio i vaccini e per questo ha inventato un protocollo di cura alternativo, che però, a suo dire, sarebbe «boicottato dalla stampa imbavagliata e dagli interessi enormi delle case farmaceutiche». Nella veste di esperto sul tema, partecipò l’11 gennaio 2014 a un dibattito organizzato da un politico del Pd locale e dall’associazione La Bussola di Trani. Titolo: «Vaccini e autismo, tutto quello che c’è da sapere». Al fianco di Montinari, nelle vesti di relatore, afferma La Stampa, sedeva il pm di Trani Michele Ruggiero.

LA DIFESA DEL PM. L’inchiesta è stata aperta a febbraio, qualche settimana dopo l’incontro. Un caso? «Ho conosciuto il dottor Montinari in quella occasione – si è difeso il magistrato – non ho esposto tesi preconcette perché non le ho». Il pm ha sostenuto di essere stato invitato all’incontro «per parlare di colpa medica». E sul tema in oggetto, ha proseguito, «mi sono limitato a dire che se fosse dimostrata una relazione fra i vaccini e l’autismo, avrei ritenuto opportuna un’inchiesta». «Non mi sono permesso di dire, in quella sede, che una correlazione c’è». «Però – ha aggiunto Ruggiero – parto dal presupposto che diverse sentenze del giudice del lavoro, competente per i risarcimenti, hanno accertato che esiste un nesso di “probabile causalità”».
Sarò un caso, ma la prima delle sentenze a cui si riferisce il pm Ruggiero è partita proprio da un paziente del dottor Molinari. Era il 2012, un giudice del lavoro di Rimini, fu il primo in Italia ad accordare un risarcimento danni sulla base delle tesi anti-vaccino di Montinari.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Francesca scrive:

    Gentile Redazione,
    Noto con dispiacere che non siete obiettivi e anzi siete pure ironici su questo tema molto delicato. S andaste a vedere tutte le cause intentate per danni da vaccino forse il tono cambierebbe… Per amore del principi medico Primum non nocere, sarebbe opportuno aprire la via al ragionevole dubbio che magari potrebbe anche essere che i vaccini non abbiamo solo effetti positivi ma che magari come qualsiasi farmaco potrebbero avere anche controindicazioni. Sono parecchi gli studi a sostegno di ciò (andate a vedere anche solamente la bibliografia del volume del dott Gava Le vaccinazioni pediatriche per farvi un’idea). Siete così “liberal” rispetto a molte questioni , dimostrando che non vi interessa la sottomissione al potere e alla mentalità dominante, e poi mi cadete su un tema così scottante…
    Lo sapete quanto alluminio verrebbe e viene iniettato sottocute a un bimbo di pochi mesi se un genitore dovesse far effettuare tutte le vaccinazioni raccomandate? li conoscete gli effetti dell’alluminio che viene introdotto in un organismo non attraverso le vie dell’apparato digestivo ma appunto per via sottocutanea? e questo uno solo dei vari adiuvanti contenuti nei vaccini. secondo voi le aziende farmaceutiche che finanziano la maggior parte degli sudi sui vaccini hanno veramente a cuore la salute dei nostri bimbi? secondo voi l’esplosione delle malattie autoimmuni nel nostro tempo non merita che perlomeno si indaghi più a fondo su una pratica che va a scombussolare profondamente proprio il sistema immunitario che a pochi mesi certo ancora non è ben sviluppato? gli interrogativi sono tantissimi. magari non è una sola la causa dell’aumento vertiginoso dei casi di autismo, ma siccome l’aumento c’è, perché non indagare se anche i vaccini rischiano di slatentizzare alcune situazioni ? la domanda è: chi sta studiano eventuali danni anche a lungo termine? e non solo la febbre delle ore successive (signora una bella tachipirina e sparisce tutto. grazie!) Perché questi poveri genitori che sono tanti!!! dovrebbero tutti raccontare frottole? sono tutti deficienti?
    francesca

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana